16, Agosto, 2022

Centrale a biomasse, la richiesta di chiarezza arriva in Consiglio comunale

Più lette

In Vetrina

Il capogruppo di Prima Montevarchi, Luciano Bucci, ha presentato una interrogazione per il Consiglio del 9 febbraio. Chiesti chiarimenti in merito alla provenienza del materiale bruciato; la misurazione delle nanoparticelle; il confronto con la situazione precedente all’impianto

Resta alta l'attenzione sulla centrale a biomasse di Levane: e lunedì prossimo arriverà in Consiglio comunale una interrogazione, a firma del capogruppo di Prima Montevarchi, Luciano Bucci, che chiede ulteriori chiarimenti al sindaco. Soprattutto all'indomani della pubblicazione dei primi risultati da parte di Arpat.  

"Si chiede di sapere se sono state misurate le emissioni riferite al particolato PM 2,5 ed inferiori che sono quelle più trattenute negli alveoli polmonari e, quindi, più dannose per la salute umana". E ancora: "Per quale motivo ad oggi non sono disponibili dati sulle emissioni di rumore? Inoltre chiediamo di avere copia delle analisi effettuate in zona prima dell’entrata in funzione dell’impianto per poter comparare seriamente i dati e comprendere se sia o meno e peggiorata la qualità complessiva dell’ambiente circostante". 

Altro capitolo, quello della provenienza delle biomasse. "Da dove proviene geograficamente la materia prima bruciata nell’impianto?", si chiede nel testo dell'interrogazione, ricordando che, come dichiarato dal presidente di Uncem Oreste Giuliani il 16 gennaio 2014, durante l’inaugurazione dell’impianto, “Tutti i soggetti della filiera hanno delle regole: la biomassa deve essere vergine, dei boschi toscani e locali. Chi firma questi accordi si impegna a prendere la legna nel giro di 30 km”. 

Altra domanda riguarda il silenzio dell'impianto, documentato in questi giorni. "Chiediamo di sapere se l’impianto da un paio di settimane a questa parte, pressoché in coincidenza con il posizionamento della stazione mobile di rilevamento dell’Arpat dinanzi allo stesso, sia in funzione o meno". 

Infine, la questione economica: "Quanti contributi pubblici sono stati concessi per la costruzione dell'impianto? E quanti denari ha introitato il comune con la stipula della convenzione con la proprietà, e come li ha ad oggi impiegati?". 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati