28, Giugno, 2022

Caso di tubercolosi, il preside Migliorini: “Studenti e famiglie informate, non vi sono altri casi registrati”

Più lette

In Vetrina

Il dirigente scolastico dell’istituto Varchi precisa che ieri, davanti a rappresentanti di studenti, di genitori, dei docenti e del personale non docente, si è tenuta un’assemblea per aggiornare tutti dopo il caso di Tbc. “Le lezioni continuano regolari, ad oggi non ci sono altri casi di persone ammalate e capaci di infettare. La scuola sarà comunque sotto controllo per altro tempo”

Dopo la nota ufficiale della Asl8, oggi anche il dirigente scolastico dell'istituto Varchi di Montevarchi, Nedo Migliorini, torna sul caso di tubercolosi polmonare registrata a scuola. E lo fa per precisare che le informazioni ci sono state, e che comunque, come già aveva detto l'Azienda sanitaria, non ci sono altri casi di persone risultate infettive. 

"In data 21 maggio, nella sala conferenze del Liceo Varchi – scrive il professor Migliorini – la dottoressa Bindi, responsabile del servizio igiene pubblica e nutrizione della USL di Arezzo zona Valdarno, ed il dottor Cardinale, responsabile del reparto di pediatria dell’Ospedale di Montevarchi, hanno informato i rappresentanti di tutti le classi degli studenti del Liceo, ed un folto gruppo di genitori ed i rappresentanti del personale docente e non docente della scuola, delle attuali procedure di controllo e monitoraggio della situazione sanitaria della scuola venutasi a determinare dopo la registrazione di un caso di malattia infettiva (TBC) su uno studente". 

"Essi hanno chiarito in modo pubblico e definitivo che tutti gli studenti sottoposti a screening, in base a protocolli previsti in tali situazioni (metodo dei cerchi concentrici) ed indipendentemente dai diversi esiti, possono frequentare la scuola e non vi sono altri casi registrati oltre uno, già isolato, di soggetti capaci di infettare. La scuola sarà comunque per alcuni mesi ulteriormente sottoposta a controlli e monitoraggi". 

Al momento, dunque, la situazione resta sotto controllo, e la vigilanza continuerà per alcune settimane, sicuramente fino alla fine dell'anno scolastico. "Il Dirigente scolastico – conclude Migliorini – è personalmente in contatto continuo con i responsabili della sanità pubblica di zona: politici (il Sindaco di Montevarchi) e tecnici (i medici responsabili di settore della USL)". 
 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati