01, Ottobre, 2022

Bretella Le Coste-Casello: la soddisfazione delle Categorie economiche. “Infrastruttura necessaria”

Più lette

In Vetrina

I presidenti del Valdarno di CNA, Confartigianato, Confindustria, Confapi, Confcommercio e Confesercenti esprimono soddisfazione dopo la presentazione del progetto definitivo dell’opera

C'è soddisfazione, fra le categorie economiche del Valdarno, per la presentazione del progetto definitivo della bretella Le Coste – Casello, l'infrastruttura viaria che bypasserà l'area di Ponte Mocarini collegando la viabilità dalle Coste, in prossimità dell’attuale curva, con il Casello di Valdarno. Opera da oltre 18 milioni di euro, dovrà andare a gara nel corso del 2020. 

Il mondo imprenditoriale, attraverso le Associazioni di categoria, esprime un forte apprezzamento per il lavoro del comune di Terranuova e della Regione Toscana, che ha portato a confermare l’attuazione della nuova viabilità tra le Coste e il casello autostradale Valdarno. I presidenti del Valdarno di CNA, Fabio Mascagni; Confartigianato, Maurizio Baldi; Confindustria, Egisto Nannini; Confapi, Carlo Cioni; Confcommercio, Federica Vannelli e Paolo Mantovani; e Confesercenti,Laura Di Loreto, rappresentati dal portavoce del Comitato delle Categorie Economiche, Emiliano Taranghelli, lo ribadiscono: "Siamo particolarmente lieti di vedere l’avvio di questa infrastruttura, un’opera che sollecitiamo da tempo in quanto completamento indispensabile della viabilità in Valdarno".

L’opera si sviluppa per circa 1600 metri, con due rotatorie e un nuovo ponte sul Ciuffenna, ed ha l'obiettivo di evitare l'accumulo di traffico che si verifica proprio in prossimità della curva Le Coste dopo l'intersezione con via dell'Acacia, e di migliorare la sicurezza della circolazione e la fluidità del traffico veicolare nei collegamenti con il casello autostradale lungo via Poggilupi, in corrispondenza delle aree produttive dell’intera zona. 

Le categorie conomiche del Valdarno insistono da sempre sul tema delle infrastrutture: "Sono necessarie per permettere alle imprese del nostro comprensorio di continuare a competere a livello internazionale. Con l’occasione, quindi, sollecitiamo tutte le parti in gioco a non abbassare l’attenzione su un’altra opera prevista nel nostro territorio, ovvero la realizzazione della 3° corsia dell’autostrada A1 nel tratto fino a Valdarno, che permetterebbe anche opere connesse e funzionali molto importanti per tutta la vallata, come il secondo ponte sull’Arno in supporto al Mocarini". 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati