25, Giugno, 2024

Bolkestein, il presidente di Assidea: “Questa volta la politica ci ha ascoltato”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il presidente di Assidea, l’associazione costituitasi nel maggio scorso, esprime soddisfazione per un risultato che rappresenta il primo passo per risolvere i problemi derivanti dalla direttiva europea

Il primo obiettivo è stato raggiunto: proroga della scadenza delle concessioni al 31 dicembre 2018 . Nel frattempo l'impegno è quello di far uscire la categoria degli ambulanti dalla direttiva europea Bolkestein. Il presidente di Assidea, associazione nata a Firenze nel mese di maggio proprio per tutelare i commercianti del settore, non può che essere soddisfatto. In sette mesi grazie al coinvolgimento del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, dei parlamentari eletti in Valdarno, di altri massimi esponenti del Governo e del Partito democratico e di espneti regionale del partito gli ambulanti hanno raggiunto lo scopo.

Dopo l'annuncio della proroga delle concessioni al 31 dicembre 2018 Alessio Pestelli, presidente Assidea ha affermato: "Sono molto soddisfatto per la proroga. Ringraziamo gli onorevoli Lorenzo Becattini, Marco Donati, David Ermini, e ancora Luca Lotti, Alessandro Giovannelli, l'ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi, Maria Elena Boschi e la consigliera regionale Valentina Vadi. Una linea che parla principalmente toscano e che è stata fondamentale per ottenere questo primo risultato. Il nostro lavoro riparte subito, non ci fermiamo. Questi due anni ci serviranno per arrivare al risultato finale ovverosia uscire dalla direttiva Bolkestein". 

"Siamo contenti che questa volta la politica abbia ascoltato noi, gli ambulanti che siamo nelle piazze tutti i giorni, e non Confesercenti e Confcommercio che fino nall'ultimo hanno lottato perchè si andasse a fare subito i bandi e che si sono dichiarati sempre contrari a ogni tipo di proroga". 

La proroga adesso è stata data: da questo momento per gli ambulanti inizia il percorso per far estromettere l'attività dalla direttiva europea.

 

 

Articoli correlati