19, Agosto, 2022

Bethlehem green city, parte la missione del comune di San Giovanni in Palestina

Più lette

In Vetrina

Parte oggi, sabato 25 giugno, la delegazione del comune di San Giovanni con destinazione Betlemme, Gerico e Gerusalemme. È la prima missione in Palestina per il progetto “Bethlehem green city: verso un modello virtuoso di sostenibilità ambientale”, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo di cui il Comune di San Giovanni è il capofila. Obiettivo del piano è di rafforzare il sistema di raccolta di rifiuti solidi urbani del distretto di Betlemme, avviando un sistema di raccolta differenziata, aumentando la consapevolezza e le capacità delle istituzioni locali e del Joint Service Council for Solid Waste Management, cioè il soggetto gestore della raccolta dei rifiuti, anche attraverso il sostegno ad iniziative di economia circolare urbana.

La delegazione del comune di San Giovanni in partenza oggi è guidata dal vice sindaco Paola Romei e farà tappa nelle tre città: lo scopo sarà quello di rafforzare i legami con i partner locali, in particolare con la municipalità di Betlemme e il Joint Service Council e partecipare all’evento di lancio del progetto organizzato dal Comune di Betlemme insieme al Consolato generale d’Italia e all’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Fondamentale sarà anche analizzare il contesto locale e monitorare lo stato di avanzamento del piano in relazione agli obiettivi previsti. È in programma anche l’incontro con la delegazione di Bergamo in missione per “Jericho Vale!” nell’ambito di una collaborazione fra i due comuni impegnati in progetti finanziati dall’Aics.

Poche settimane fa è stata svolta la prima missione tecnica, a cui hanno preso parte Enrico Catassi, consulente per Sei Toscana ed esperto per assistenza tecnica nell’impostazione dell’Eco-Center nell’ambito del progetto, Andrea Sbandati, direttore di Confervizi Cispel Toscana e Irene Mari, coordinatrice progetti presso Cispel Toscana. Attraverso la loro esperienza, infatti, i tecnici hanno fornito un supporto all’impostazione dello studio sulla composizione dei rifiuti nel distretto di Betlemme in fase di avvio. Inoltre gli incontri e le visite hanno consentito di raccogliere informazioni utili all’impostazione dell’analisi di mercato funzionale alla creazione di start-up in ambito di economia circolare.

Lo scambio di buone pratiche tra il comune di San Giovanni e quello di Betlemme contribuirà a migliorare l’efficienza del sistema dei rifiuti solidi urbani in Cisgiordania attraverso la raccolta differenziata, il riciclo, la formazione e la sensibilizzazione.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati