26, Ottobre, 2021

Autobus: dal 1° novembre arriva Autolinee Toscane. Biglietti e abbonamenti più facili, stesse corse, continuità per i dipendenti

spot_img

Più lette

Dal 1 novembre il passaggio della gestione del trasporto pubblico su gomma ad Autolinee Toscane, nella gran parte del territorio regionale, sarà effettivo: anche in Valdarno dunque arriva il nuovo gestore, i passeggeri troveranno le stesse linee, stessi bus, stesse fermate, stessi orari e stesse tariffe, e inoltre il passaggio ad Autolinee Toscane, come prevedeva il bando, avviene garantendo la continuità lavorativa agli oltre 5mila dipendenti che ad oggi lavorano con gli attuali gestori, e che dunque dal 1° novembre passeranno al nuovo.

Le novità principali riguardano il funzionamento della modalità di acquisto dei biglietti e degli abbonamenti che sarà in sostanza più semplice e accessibile. Il sistema di vendita dei titoli di viaggio sarà uguale in tutta la regione grazie anche all’introduzione di un unico sistema digitale: si potrà acquistare biglietto o abbonamento tramite sito, sms, rivendite, biglietterie e APP. Già on-line il sito www.at-bus.it, dove ogni passeggero potrà già registrarsi e creare un proprio profilo, condizione necessaria per poter acquistare dal 18 ottobre il proprio abbonamento. Da subito sul sito sarà possibile conoscere tariffe di abbonamenti urbani ed extraurbani e le agevolazioni a cui si ha diritto, mentre dal 1° novembre, sarà possibile verificare tratte, orari e fermate.

Altra novità: gli abbonati non dovranno più preoccuparsi di portare con sé l’abbonamento cartaceo, potranno salire a bordo portando con sé unicamente la propria tessera sanitaria. Cosa succede agli attuali biglietti? Saranno validi fino al 31 ottobre e dal 1° novembre, chi non li avrà utilizzati, potrà richiedere il rimborso o la permuta ad Autolinee Toscane, con modalità diverse per aree e zone della Toscana (i biglietti di ATAF e Bus italia potranno essere rimborsati recandosi agli sportelli 8 e 9 delle biglietterie della Stazione di Santa Maria Novella a Firenze). Mentre tutti gli abbonamenti acquistati prima, e con scadenza oltre il 1° novembre, continueranno ad essere validi: per viaggiare si dovrà in questo caso portare il vecchio abbonamento, la tessera sanitaria e un documento.

“Vogliamo un atterraggio dolce – spiega l’assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli – in cui le modalità per gli utenti siano via via più semplici, senza però che debbano modificare abitudini, orari, luoghi delle fermate. L’impegno è enorme: oltre 5000 dipendenti, nuovi bus e tanti investimenti anche in prospettiva, per questo vogliamo che l’atterraggio sia morbido, il più semplice ed efficiente possibile. Intanto i bus, gli orari e i servizi rimangono quelli che conosciamo con in prospettiva il superamento di una certa eterogeneità degli anni passati per arrivare a una decisa semplificazione che riguarda ad esempio la vendita dei biglietti e la salvaguardia dell’utenza. Come Regione ci siamo impegnati affinché tutti gli abbonamenti acquistati prima, e con scadenza oltre il 1 novembre, continueranno ad essere validi”.

 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati