28, Giugno, 2022

Aumenti dell’acqua in arrivo. Nonostante non siano allacciati i cittadini dovranno pagare gli oneri della depurazione

Più lette

In Vetrina

L’autorità idrica toscana, dopo aver sentito Publiacqua, informa così il Forum acqua bene comune del Valdarno. Applicata la legge del 2009. Da giovedì 19 marzo sarà aperto per i cittadini lo sportello per l’acqua

In arrivo a Castelfranco gli aumenti della bolletta dell'acqua. A comunicarlo è il Forum acqua bene comune Valdarno. Dopo, infatti, i chiarimenti richiesti sugli adeguamenti tariffari annunciati da Publicaqua l'Autorità idrica toscana ha risposto.

Alle utenze di Castelfranco, dunque, pur non essendo allacciate a impianto di depurazione, verrà applicata la legge del 2009 e di conseguenza i cittadini dovranno "sostenere gli oneri relativi ai costi di progettazione, realizzazione, o completamento per gli impianti che tratteranno i rispettivi reflui". In questo caso si tratta dell'impianto di Lagacccioni a Figline.

"Considerato che si parla di somme importanti, oltre 600.000 euro solo per spese tecniche – afferma il Forum dell’Acqua – abbiamo già presentato richiesta di chiarimenti e di accesso agli atti. Da giovedi 19 Marzo alle 17.00, poi, verrà aperto uno sportello per l'acqua, in collaborazione con il Circolo Arci Andrea Perini di Castelfranco, dove i cittadini potranno ottenere informazioni sulle bollette e sulle tariffe applicate ed essere informati sulle iniziative in corso".

Poi il Forum acqua bene comune Valdarno continua: 

"È il Sindaco l’organo responsabile della salute e dell’igiene pubblica e sarebbe suo compito vigilare sulla corretta gestione del servizio idrico e sostenere le battaglie dei cittadini.  Abbiamo apprezzato le parole del Sindaco quando afferma pubblicamente di essere per “l’acqua pubblica e senza profitti” ma vogliamo sottolineare che i luoghi preposti sono l’Assemblea dei Sindaci dell’AIT e l’Assemblea dei Sindaci dell’ex ATO 3 Medio Valdarno,  dove anche il Sindaco Cacioli avrebbe potuto portare le proprie proposte in merito. Ma a quanto ci risulta non era presente, neppure per discutere di questioni più concrete riguardanti i suoi cittadini quali la fatturazione in base al numero dei familiari, dato che le famiglie numerose con questo sistema risultano fortemente penalizzate, come già avviene per i rifiuti".

Articoli correlati