03, Luglio, 2022

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

Attraversamento sul Cesto, adesso c’è il via libera. Anni di attesa per lavori da 7500 euro

Più lette

In Vetrina

La Città Metropolitana con un atto dirigenziale dei giorni scorsi ha dato il parere positivo al Comune di Figline e Incisa per realizzare un nuovo attraversamento a raso sul torrente Cesto, lungo gli argini dell’Arno. La passerella fu portata via dalla piena due anni fa creando evidenti disagi per chi attraversa la zona: il costo dei lavori è di soli 7500 euro, compresa Iva e oneri per la sicurezza. La volta buona?

Nel novembre 2012 la passerella sul Cesto fu rovinata e nei mesi successivi venne letteralmente portata via dalla piena. Doveva essere realizzato un nuovo passaggio entro il 2013 ma come spesso è successo per le opere più attese in Valdarno i lavori per creare un nuovo passaggio sugli argini dell’Arno non sono mai stati effettuati.  Un’opera più volte annunciata e rimasta fantasma.
 
Una situazione paradossale visto che è stata richiesta a gran voce dai cittadini e dalle associazioni, come Fiab ValdarnoInBici (che effettuò anche una raccolta firme) ed ha un costo tutto sommato irrisorio: 7500 euro, per un passaggio a raso che permetta ai cittadini di attraversare – senza bagnarsi – il guado. Poche migliaia di euro compresa iva e oneri per la sicurezza.
 
Adesso c’è un atto della città metropolitana che sembra sbloccare la vicenda: il nuovo ente ha infatti dato il via libera – per quanto riguarda l’aspetto idraulico – al Comune di Figline e Incisa per la realizzazione dell’opera, progettata dal Consorzio di Bonifica e approvata dalla giunta del vecchio Comune di Figline il 3 ottobre del 2013. La volta buona?
 
La Città Metropolitana ha fissato due prescrizioni principali. La prima: “La realizzazione del manufatto potrà essere eseguita solo successivamente alla conclusione dei lavori che sta eseguendo questa Amministrazione relativi al progetto Opere di stabilizzazione dell’alveo e di ripristino dell’officiosità idraulica del tratto terminale del torrente Cesto”. La seconda: “si dovrà posizionare lungo il percorso e in prossimità dell’accesso al guado opportuna cartellonistica atta ad evitare situazioni di pericolo per i frequentatori in caso di piena”.
 
Insomma, si tratta di una soluzione provvisoria, che può essere utile con il bel tempo e nel periodo estivo. Per una nuova passerella toccherà invece aspettare la ciclopista sull’Arno.

 

Articoli correlati