25, Giugno, 2022

Bekaert, incontro in Regione per l’assunzione di 60 lavoratori in Laika. Fiom e Fim: “Ora però tocca a azienda e Governo”

Più lette

In Vetrina

Le parole dei segretari sindacali, Daniele Calosi e Alessandro Beccastrini: “Ad oltre due anni e mezzo dall’annuncio della chiusura del sito di Figline gli unici elementi di sostegno alla vertenza sono arrivati dal sindacato e dalle istituzioni locali. Ora tocca ad azienda e Governo trovare una soluzione da troppo tempo attesa

Saranno 60 i lavoratori Bekaert rimasti in vertenza che saranno assorbiti da Laika, azienda toscana di produzione di camper e caravan. Per fare il punto sull'accordo approvato a grande maggioranza dai lavoratori Laika il 23 dicembre, si è svolto oggi un incontro convocato dalla Regione Toscana. Presenti alla riunione le aziende Laika e Bekaert, l'advisor Sernet, il Sindaco del Comune di Figline e Incisa e le organizzazioni sindacali territoriali.

I lavoratori Bekaert ancora in cassa integrazione hanno ricevuto nei giorni scorsi l'informativa sull'accordo attraverso le assemblee sindacali. "Oggi – spiegano in una nota Fiom e Fim – abbiamo concordato con i soggetti presenti che, al fine di garantire la massima trasparenza, anche i centri per l'impiego della Regione Toscana e la direzione aziendale di Bekaert si attiveranno per fornire le informazioni necessarie a tutti i lavoratori. Il tavolo si riunirà periodicamente per monitorare l'attuazione dell'accordo. Il prossimo incontro è previsto il 15 gennaio". 

Resta sul tavolo, però, la vertenza relativa al sito figlinese. A margine dell’incontro, per questo, i Segretari Generali territoriali di Fim e Fiom, Alessandro Beccastrini e Daniele Calosi, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta: "L'assunzione da parte di Laika di 60 lavoratori Bekaert – hanno detto – è frutto di un lavoro sindacale realizzato con la direzione di Laika, Regione Toscana e i comuni interessati. Una soluzione parziale, trovata grazie al sistema di relazioni del territorio e non per merito di Bekaert o dei soggetti da lei scelti per lavorare alla reindustrializzazione del sito e alla rioccupazione dei lavoratori".

"Adesso – hanno aggiunto Beccastrini e Calosi – è il momento che chi deve giocare un ruolo mai svolto lo faccia fino in fondo. Il sindacato ha dimostrato di non stare con le mani in mano. Affinché quel sito venga reindustrializzato e dia le risposte ai 116 lavoratori ancora in ammortizzatore, mancano all'appello il Governo e Bekaert. Torniamo quindi a chiedere una urgente convocazione al Ministero dello Sviluppo Economico. Ad oltre due anni e mezzo dall'annuncio della chiusura del sito di Figline gli unici elementi di sostegno alla vertenza sono arrivati dal sindacato e dalle istituzioni locali, ora tocca ad azienda e Governo trovare una soluzione da troppo tempo attesa, poiché in caso contrario il 9 marzo i lavoratori ancora in cassa integrazione saranno licenziati. E se ciò avverrà saranno chiare le responsabilità". 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati