04, Febbraio, 2023

Patto per la lettura: approvato a Terranuova il documento per la promozione dei libri come strumento di conoscenza

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Patto per la lettura è uno strumento che ha come obiettivo quello di creare una rete tra tutti i protagonisti della filiera culturale. Approvato dal Comune di terranuova, nasce per coinvolgere soggetti pubblici e privati, enti, scuole, biblioteche, case editrici, librerie, autori e lettori organizzati in gruppi ed associazioni con lo scopo di diffondere e valorizzare la lettura come strumento di benessere individuale e sociale, attraverso un’azione coordinata e congiunta.

Per il Comune di Terranuova Bracciolini, approvare il Patto per la lettura, significa dotarsi di un documento di indirizzo, volto a sostenere una rete territoriale della lettura che includa competenze e professionalità legate alla filiera del libro e alla promozione della lettura. La Biblioteca Comunale Le Fornaci, insieme alla Biblioteca dei Ragazzi di Terranuova Bracciolini e alla Biblioteca Comunale Partigiani del Pratomagno e combattenti per le libertà di Loro Ciuffenna, rappresenta l’infrastruttura culturale adeguata a coordinare le azioni necessarie al radicamento della lettura come abitudine individuale e sociale ed all’ampliamento della base dei lettori abituali. Con la sottoscrizione del Patto i firmatari si impegnano a costituire e supportare la rete territoriale per la promozione della lettura, coinvolgendo i soggetti che a livello locale possono offrire il loro contributo, in base alle rispettive capacità e competenze.

L’assessora alla cultura caterina Barbuti:”Il patto può essere sottoscritto da tutti coloro che condividono l’idea che la lettura, declinata in tutte le sue forme, sia un bene comune su cui investire per la crescita culturale dell’individuo e della società. Condividere il Patto con tutti i partner della filiera del libro significa creare una rete territoriale che sancisce un’alleanza tra diverse professionalità (bibliotecari, educatori, insegnanti, librai, editori, medici pediatri ed operatori sanitari dei servizi per l’infanzia, volontari) che intendono impegnarsi per ideare, definire e attuare in modo organico azioni di promozione e diffusione della lettura”.

Articoli correlati