02, Marzo, 2024

La scuola di Reggello si tinge dei colori europei: accolti 29 studenti francesi e bulgari

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dalla Francia e dalla Bulgaria fino a Reggello, per condividere con i coetanei valdarnesi esperienze e apprendimento: nella giornata di ieri, 23 marzo, l’Istituto comprensivo reggellese ha accolto i 29 studenti e 7 insegnanti arrivati dalla Scuola “Rosa Parks” di Bretigny sur Orge (Francia) e la Scuola “Konstantin Kostantonov” di Sliven (Bulgaria). In questi giorni le due delegazioni hanno effettuato anche alcune visite guidate a Firenze, a Palazzo Vecchio e alla Galleria degli Uffizi.

Un incontro reso possibile grazie al Progetto Erasmus L.A.S.T.2, che forma ponti fra le scuole dei paesi europei e punta molto sui viaggi e la mobilità: un aspetto, questo, che negli ultimi due anni purtroppo era rimasto fermo, ‘cristallizzato’ dalla pandemia. Ma oggi i giovanissimi studenti hanno ripreso a viaggiare, e il primo incontro in presenza è stato proprio a Reggello.

I 27 scolari europei hanno tutti 10 o 11 anni, e ieri hanno partecipato ad alcuni laboratori di arte e di lingua italiana, hanno potuto prendere parte ad un percorso guidato lungo le vie di Reggello, e infine assistere ad un momento musicale con la partecipazione dell’orchestra SaràBanda. La giornata si è conclusa con gli alunni francesi, bulgari e italiani che che insieme hanno cantato “Amico libro”, la canzone composta appositamente per il Progetto da due insegnanti dell’Istituto reggellese.

Presente anche l’Assessore all’Istruzione Adele Bartolini che ha accolto, insieme alla Dirigente Scolastica dell’Istituto comprensivo Patrizia Giorgi, le delegazioni. “In un periodo così difficile che ci ha visto passare dalla pandemia alla guerra in Ucraina – ha commentato l’Assessore Adele Bartolini – i progetti come questo che coinvolgono ragazzi e ragazze così giovani sono un barlume di speranza per tutti noi. I nostri complimenti vanno all’istituto Comprensivo che ha deciso di portarlo convintamente avanti.”

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati