20, Maggio, 2022

Sindaco e giunta a confronto con i residenti di Ponticino: “Qui in tre anni investiti 3 milioni di euro”

spot_img

Più lette

“Dal 2018 ad oggi sulla Frazione di Ponticino sono stati investiti poco meno di 3 milioni di euro tra lavori pubblici di messa in sicurezza delle strutture e delle scuole, per la messa in sicurezza stradale e pedonale e per le manutenzioni ordinarie e straordinarie”. Lo hanno spiegato ieri sera la sindaca Simona Neri e gli assessori della giunta di Laterina Pergine nell’assemblea pubblica che si è tenuta proprio a Ponticino. Nel dettaglio, 2 milioni e 48mila euro su edifici pubblici e scuole; 653mila euro per messa in sicurezza stradale e pedonale; 265mila euro di manutenzioni su viabilità, verde pubblico ed edifici pubblici.

“Una cifra – spiega Neri – che sfiora il totale dei contributi che in questi tre anni ci sono arrivati grazie alla fusione e che nonostante questi numeri, non sono serviti soltanto qui, a Ponticino: come prevedibile questi contributi si sono dimostrati un moltiplicatore e grazie a tutta questa nuova liquidità siamo riusciti prima di tutto a partecipare ai bandi regionali e ministeriali con progetti definitivi o esecutivi ben fatti, aggiudicandoci moltissimi finanziamenti che sono serviti a co-finanziare tutti questi interventi, tra i quali, i più importanti, l’adeguamento sismico della scuola materna, l’efficientamento energetico, l’ammodernamento dell’illuminazione e non per ultimi tutti gli interventi di realizzazione di marciapiedi ed attraversamenti pedonali”.

Alcuni dei lavori pubblici presentati sono in gara per la selezione delle ditte: è il caso della scuola materna e dell’edificio che ospita caserma, Asl e Poste; altri sono in via di acquisizione di parere della soprintendenza per essere conclusi, come il restauro del Ponte Ganascione. “Rimane la partita aperta della ulteriore messa in sicurezza della strada SR69 e della riduzione di velocità dei mezzi che purtroppo, anche a seguito di un sopralluogo con la Provincia, non si può gestire né con rallentatore né con impianti semaforici: ho scritto e coinvolto personalmente la Prefettura e con la Polizia Municipale stiamo aprendo un’istruttoria per richiedere l’inserimento di autovelox che possano fungere anche da attenuante”, ha specificato Simona Neri.

“Sono tutti interventi che servivano da anni e che finalmente abbiamo potuto mettere in essere: lo abbiamo fatto qui come nella totalità del territorio del nostro Comune, ovviamente con priorità diverse e tempi di attuazione che nella nostra volontà si concluderanno comunque alla fine del nostro mandato amministrativo. Il confronto con i nostri cittadini, dopo tutto questo tempo, è stato costruttivo e sempre utilissimo per comprendere ed approfondire tutte le dinamiche dell’amministrare un ente come il nostro che ha accettato la sfida di rinnovarsi e lavorare sodo per recuperare molte delle mancanze che a causa di risorse insufficienti si erano verificate anni addietro. 3 milioni di euro solo per una Frazione sono una cifra che non ci si poteva nemmeno sognare, i lavori fatti sono stati tanti perché servivano, ed ancora andremo avanti anche con l’aiuto dei cittadini attivi: cercheremo di migliorare intervenendo sulle criticità rimanenti”, ha aggiunto la prima cittadina.

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati