17, Agosto, 2022

Galleria dei Poggi, scattata la chiusura. Chiassai: “La Provincia dà il via a interventi strutturali di messa in sicurezza e risanamento”

Più lette

In Vetrina

Ha preso il via ufficialmente oggi l’intervento della Provincia di Arezzo di risistemazione e ammodernamento della galleria dei Poggi, il cosiddetto Foro di Faella, lungo la S.P. 9 Fiorentina nel Comune di Castelfranco Piandiscò. Gli operai hanno chiuso ufficialmente al transito la galleria intorno alle 11,30 di questa mattina, per l’allestimento del cantiere: i lavori si protrarranno fino al 4 luglio, e dunque fino a quella data la viabilità sarà interdetta nel collegamento tra la Provinciale di Botriolo e Faella.

A spiegare l’intervento è Silvia Chiassai Martini, Presidente della Provincia di Arezzo: “Da molto tempo avevamo attenzionato questa struttura ormai datato, viste le condizioni in cui versava e dopo indagini accurate, questa amministrazione ha deciso di investire una cifra importante per il consolidamento della galleria con interventi strutturali di messa in sicurezza e di risanamento. a tutela degli utenti, oltre a migliorare la viabilità provinciale del Valdarno”.

“Il Costo dell’operazione è di 820mila euro, cifra che proviene sia dal bilancio della Provincia, che attraverso un finanziamento ricevuto dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. Alla fine dei lavori – spiega Chiassai – avremo una struttura moderna, sicura, illuminata dai più recenti e moderni dispositivi presenti nel mercato. Saranno inoltre illuminati gli imbocchi, sia lato Faella che nell’incrocio con la S. P. 5 nel lato di Castelfranco”.

L’avvio concreto dei lavori è slittato in avanti di alcuni mesi rispetto alla previsione iniziale, che era di partire con il cantiere ad ottobre: “Si è avuta una vicenda di ricorsi al T. A. R. presentati da imprese che hanno fatto perdere molti mesi – ha commentato la Presidente della Provincia – bloccando i lavori che erano già di fatto sul punto di partire”.

Disagi sono previsti in questi quattro mesi per i cittadini, che dovranno seguire viabilità alternative: “Il coordinamento e la pianificazione delle lavorazioni sono state programmate in modo da ottimizzare i tempi di esecuzione al fine di limitare il più possibile disagi agli utenti. La viabilità ordinaria subirà quindi delle deviazioni che saranno opportunamente segnalate con il posizionamento della cartellonistica stradale verticale su tutto il territorio interessato dalla deviazione”, conclude la Presidente della Provincia.

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati