28, Maggio, 2024

Terranuova, avviata un’indagine sui bisogni formativi della popolazione adulta nel territorio valdarnese e aretino

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Nel territorio della provincia di Arezzo, è stata avviata un’indagine sui bisogni formativi della popolazione adulta, un’iniziativa congiunta della Rete documentaria Aretina e della biblioteca comunale di Terranuova. L’obiettivo primario è quello di identificare le necessità educative della comunità al fine di avviare specifiche attività di formazione mirata.

Il progetto, denominato “Giovani e adulti in-formati”, riceve il sostegno della Regione Toscana attraverso il PR Fondo Sociale Europeo + 2021-2027, confermando l’impegno delle istituzioni regionali nel promuovere l’istruzione e lo sviluppo delle competenze. Il questionario, disponibile sia in italiano che in inglese, sarà accessibile per l’intero mese di aprile, con l’obiettivo di coinvolgere tutte le diverse fasce della popolazione adulta. Le aree tematiche su cui verte l’indagine includono competenze digitali, linguistiche, alfabetizzazione universale, cittadinanza globale e benessere personale.

I risultati dell’indagine saranno utilizzati per progettare e realizzare corsi gratuiti che verranno offerti ai cittadini, contribuendo così a colmare le lacune formative e promuovendo un’educazione continua e inclusiva. I cittadini maggiorenni residenti o domiciliati nei comuni della provincia di Arezzo sono invitati a partecipare compilando il questionario online attraverso i canali social della biblioteca e del Comune, oltre che sul sito web istituzionale. Per coloro che preferiscono la versione cartacea, questa è disponibile presso tutte le sedi delle biblioteche e degli archivi della Rete documentaria Aretina.

 

Caterina Barbuti, assessore alla cultura Terranuova Bracciolini:”Questa indagine rappresenta un’importante opportunità per comprendere le esigenze formative della nostra comunità e progettare interventi mirati ed efficaci. Le biblioteche sempre più diventano veri e propri centri di promozione culturale e di sviluppo delle competenze chiave per la vita quotidiana e il benessere individuale e collettivo”.

Articoli correlati