14, Giugno, 2024

Serristori, discussione in Consiglio comunale. Il sindaco Giunti: “L’Ospedale rimane un centro di riferimento per la nostra area”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

È stata al centro del dibattito in consiglio comunale a Reggello, la vicenda dell’ospedale Serristori di Figline. Il confronto è partito da una risoluzione presentata dai consiglieri di opposizione Bartolini, Nenci e Cicogni. Ad illustrare la risoluzione è stato Oleg Bartolini: “Con questo documento vorremmo esprimere contrarietà rispetto alla decisione di Regione Toscana e Asl Toscana Centro di chiudere il pronto soccorso del Serristori e smantellare in parte alcuni reparti”. Dibattito acceso: la maggioranza ha parlato di “battaglie utopiche irrealizzabili”, e ha ribadito l’impossibilità di mantenere aperto un pronto soccorso al Serristori, alla luce dei numeri degli accessi forniti dalla Asl e illustrati in Consiglio dall’assessora Adele Bartolini. Su posizioni profondamente diverse le opposizioni, con Nenci che ha accusato l’Amministrazione di “voler difendere a tutti i costi la Regione, un’amministrazione politica dello stesso colore”. Alla fine il documento è stato respinto.

Il sindaco di Reggello, Piero Giunti, ha commentato: “Ritengo che ci sia qualcosa di più pericoloso delle bugie: le mezze verità che abbiamo sentito, in quest’occasione, da alcuni consiglieri di minoranza. Nessuno deve mettere in bocca al Sindaco frasi che non ha mai detto, ossia che il Presidio ospedaliero non è importante e non deve essere potenziato. Lo abbiamo scritto nel Programma di Mandato e lo riconfermo, oggi. L’Ospedale Serristori rimane un centro di riferimento per la nostra area, da valorizzare e da sostenere. Questo non l’abbiamo mai rinnegato”.

“Durante il dibattito – ha aggiunto il sindaco – abbiamo assistito a un’affermazione del consigliere Oleg Bartolini alquanto discutibile: ‘con i principi non si mangia’, cosa significa? Che i principi si legano all’esigenza di avere, sempre e comunque, il consenso dell’opinione pubblica e si mettono in discussione quando questi vengono meno? Per me e per tutta l’Amministrazione comunale il concetto di salute pubblica rimane un principio non negoziabile, che non si può mettere in discussione, e si deve perseguire anche, se necessario, attraverso delle scelte che potrebbero apparire impopolari”.

“Come riportato dal report dell’ASL Toscana Centro, i reparti del Serristori non sono stati smantellati, anzi, i numeri mostrano un potenziamento dell’offerta sanitaria alla cittadinanza. Nel 2021, rispetto al 2019, sono aumentati sia gli accessi alle prestazioni che il numero degli interventi chirurgici. Inoltre, quando ho dichiarato che ‘accoglievo con piacere la scelta del nuovo centro medico avanzato’, proposto dalla Regione Toscana, intendevo dire che considero positivamente tale progetto che va nella direzione di consentire un’offerta migliore ai cittadini, ma che non può considerarsi il punto di arrivo. Sarà compito mio e della nostra Amministrazione vigilare affinché in futuro possa essere garantito il potenziamento del Serristori, come auspicato da tutti”, ha concluso Piero Giunti.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati