18, Aprile, 2024

Ruote di Mauro Staccioli, parte il progetto di restauro e ricollocamento nell’area a nord di San Giovanni

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Le cinque ruote di Mauro Staccioli, realizzate nel 1996 e collocate in Corso Italia a San Giovanni, verranno restaurate e ricollocate nell’area a nord della città, nello spazio che funge da cerniera tra uno degli stabilimenti dell’ex-Italsider e la zona industriale di Sant’Andrea. Pronto l’allestimento del cantiere dove le opere verranno trasferite e successivamente restaurate.

E’ stata Giulia Staccioli, figlia dello scultore ed unica erede, a manifestare la volontà di donare al Comune il “Gruppo scultoreo composto da cinque ‘Tondi’ di grande formato in cemento armato, pensato e realizzato da Mauro Staccioli appositamente per la Città di San Giovanni Valdarno in occasione dell’installazione effimera del 1996. Il Comune si è attivato per reperire finanziamenti esterni e provvedere al restauro ed alla collocazione dell’opera. All’intervento sarà affiancato anche un lavoro di valorizzazione e documentazione progettato da Casa Masaccio in collaborazione con l’Archivio Mauro Staccioli.

I cinque grandi tondi, chiamati Ruote, in cemento armato, dal raggio di oltre 3 metri e spessore di 60 centimetri, erano stati immaginati, in principio, dallo scultore volterrano, per vivere lo spazio più intimo della città, il corso principale, fulcro della vita della comunità come occasione per ripensare la storia attraverso la contemporaneità, marcando la direttrice, la spina dorsale dell’impianto urbano progettato da Arnolfo di Cambio. Una volta terminata la mostra, le sculture vennero parcheggiate in un terreno del comune a Vacchereccia in attesa di una destinazione definitiva e delle risorse necessarie per il loro recupero e per il nuovo posizionamento.

Adesso le cinque Ruote saranno posizionate in un’installazione permanente e sistemate in un nuovo sito, individuato nello spazio che funge da cerniera tra uno degli stabilimenti dell’ex-Italsider, la nuova zona industriale di Sant’Andrea e il nuovo accesso a nord della città. “Rappresenta un intervento di riqualificazione dell’area, una “scultura a scala urbana” che si pone in un quadro di riconoscimento del valore civico dell’arte contemporanea nel sistema-comunità, un gesto che vuole intrecciare i luoghi e la loro memoria valorizzando i temi del lavoro e della città”.

Fausto Forte, direttore di Casa Masaccio, spiega l’importanza della nuova collocazione delle Ruote e il significato che Mauro Staccioli, morto nel 2018, ha voluto dargli.

“E’ importante, che il cittadino si riconosca in un’opera d’arte, e che questa diventi un punto di riferimento della collettività attraverso la riqualificazione di luoghi sopratutto quelli del vivere quotidiano, i luoghi del lavoro, i luoghi dell’abitare, attraverso l’arte del nostro tempo”. È questo l’approccio che portava avanti Mauro Staccioli sin dagli anni Sessanta che, con le sue opere, andava a tessere un fitto dialogo con l’ambiente circostante. Come lui stesso dichiarava, in occasione dell’originaria installazione dei tondi in Corso Italia: “… lavoro molto sull’idea di segnare il paesaggio, di usare la scultura come segno tangibile di un passaggio o come segno di possibile interazione con un luogo nei confronti del quale si instaura un rapporto di domanda/risposta, di dialogo…”.

“Fin dal nostro insediamento, come Amministrazione Comunale, abbiamo lavorato perché l’operazione che comincerà in questi giorni potesse trovare compiuta realizzazione – ha dichiarato Valentina Vadi, sindaco di San Giovanni Valdarno – E’ come la chiusura di un cerchio – per recuperare una delle forme geometriche più utilizzate da Staccioli nelle sue opere – che dal 1996, anno in cui lo scultore realizzò i cinque tondi in cemento collocati lungo Corso Italia, arriva fino ad oggi con il restauro e la loro ubicazione nella rotatoria di ingresso all’area produttiva di Sant’Andrea, esattamente dove Staccioli indicò che sarebbero dovute essere esposte, lungo la direttrice che unisce il Centro Storico con l’area produttiva. Il progetto di restauro è reso possibile grazie alla sponsorizzazione di un soggetto privato e alla realizzazione da parte della Idea SGV S.r.l che ringrazio per l’attenzione nei riguardi del nostro territorio e della nostra comunità cittadina. Mauro Staccioli è un artista e uno scultore di profilo internazionale le cui istallazioni si trovano, oggi, in tante importanti città italiane e straniere da Prato, a Roma, a Milano, a Perugia, fino a Seul, agli Stati Uniti, al Portogallo, alla Germania. Per noi è un onore e un privilegio poter avere questi cinque tondi esposti nella porta di accesso all’area industriale di San Giovanni Valdarno che ha visto, negli ultimi tre anni, uno sviluppo e una riqualificazione significativa, ed è senza dubbio un obiettivo che ci riempie di soddisfazione essere riusciti a restituire alla città le opere di un artista che alla nostra città è stato legato in un passato non troppo lontano. Per questo un doveroso ‘grazie’ anche alla figlia di Mauro Staccioli, Giulia, che ha generosamente donato il gruppo scultoreo a San Giovanni Valdarno per seguire la volontà del padre e dell’artista”, ha concluso il sindaco.

“Obiettivi del progetto di ricollocazione del gruppo scultoreo di Staccioli a San Giovanni Valdarno, sono la riqualificazione di un ambito di paesaggio urbano periferico, la riappropriazione e identificazione della comunità di un rinnovato spazio urbano, l’associazione tra la memoria collettiva legata ai luoghi del lavoro e la caratterizzazione dello spazio pubblico e la realizzazione di un intervento di riqualificazione urbana tramite la collaborazione di soggetti pubblici e privati . Ma anche la promozione della conoscenza, per la comunità locale, dell’arte contemporanea e la sua fruizione in modo diretto”.

“Come gruppo Idea – ha sottolineato l’ingegnere Antonio Dionisio, direttore sviluppo – operiamo sul territorio da tre anni. Siamo arrivati nel 2020 in un momento delicato a causa della pandemia quando iniziavamo un percorso urbanistico insieme all’Amministrazione che avrebbe portato alla realizzazione dell’immobile che oggi ospita l’Abb. Oggi siamo davvero felici di poter contribuire alla collocazione e al restauro di un’opera scultorea davvero importante per il territorio, lo sentiamo come un modo per dire ‘grazie’ alla comunità che tanto ci ha dato. Ormai ci sentiamo parte di questo territorio di cui apprezziamo le idee e i valori”.

Allestito il cantiere nell’area interessata ad inizio della prossima settimana, inizieranno i lavori di scavo dei 5 plinti che dovranno ospitare i tondi. Entro il mese di febbraio è previsto l’arrivo in cantiere del ferro lavorato per l’armatura; successivamente sarà gettato il calcestruzzo di fondazione e le ruote potranno essere trasferite e collocate. Il restauro avverrà direttamente in loco.

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati