04, Febbraio, 2023

“Robotics Trials”: al via una gara di robotica per gli studenti dell’ISIS Valdarno

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

L’ISIS Valdarno ha organizzato la prima edizione Robotics Trials, si tratta di una competizione fra studenti dell’Istituto che vedrà coinvolti circa 200 ragazzi. Nei giorni 21, 22 e 23 dicembre, i vari gruppi si sfideranno per ottenere un posto alle prossime regionali di robotica a Grosseto.

Questa prima edizione Robotics Trails prenderà luogo nei giorni 21 e 22 dicembre, con la premiazione finale il 23 dicembre. Fondamentale la vittoria per ottenere il diritto di partecipare ai campionati regionali che si terranno a Grosseto e, nel caso, anche a quelli nazionali a Vicenza. Le gare vedranno la partecipazione di quasi 200 ragazzi dell’ISIS per un totale di 30 classi: ogni team avrà cinque studenti più una riserva. Molto importante l’apertura da parte dell’ISIS Valdarno anche a studenti provenienti da altri istituti: nelle prima due giornate ci saranno ospiti circa 350 studenti del primo ciclo di otto istituti comprensivi delle vallata che assisteranno alle gare e potranno partecipare ai laboratori didattici dell’Isis.

Lorenzo Pierazzi, Dirigente Scolastico Isis Valdarno: “I partecipanti ai Robotics Trials sono circa 200 fra gli studenti dell’Isis. L’organizzazione da parte dello staff partendo dal Prof. Luca Africh e dai docenti esperti di robotica che si sono messi a disposizione dei vari gruppi classe. L’aspetto più interessante, didatticamente parlando, sarà la presenza di circa 350 ragazzi e ragazze provenienti dagli Istituti della vallata. Gli studenti, accompagnati dai vari professori, potranno assistere alle vari competizioni e nei due giorni di gara, il 21 e 22 dicembre, a turno potranno visitare i laboratori e partecipare alle vari dimostrazioni. La robotica educativa rappresenta un valore aggiunto di straordinaria importanza dal punto di vista didattico, dal team building al problem solving, sempre in maniera giocosa e divertente. Gli studenti potranno sviluppare le competenze trasversali che si richiedono oggi. Chi parteciperà alle gare scoprirà solo pochi minuti prima quello che dovrà affrontare, rendendo i Robotics Trials ancora più importanti dal punto di vista scolastico”.

Marco Saracini, docente ISIS Valdarno: “Le gare si svolgeranno sulla struttura di base caratteristica delle competizioni di robotica quindi il robot deve seguire un percorso ed essere in grado di superare determinati ostacoli fino a raggiungere un’area nella quale deve riconoscere determinati oggetti e portarli in salvo, da qui infatti “rescue line”. Per queste trials, dato che vanno a coinvolgere anche studenti di prima e seconda, si è deciso di formulare una proposta più semplificata: eliminando la parte finale “rescue line”, anche se vengono mantenute le altre parti. I robot ideati dagli studenti dovranno quindi svolgere: il classico segui linea; l’aggiramento degli ostacoli; lo speed bumb (dosso da superare) e infine attraverso degli indicatori di colori il robot deve essere in grado di svoltare e fermarsi. L’aggiramento degli ostacoli sarà presente solo nelle fasi finali, mentre a partire dalle gare regionali ci sarà anche il “save and rescue”.

Ernesto Troncellito, docente ISIS Valdarno: “La scuola per quanto riguarda le gare ragionali e nazionali partecipa con due diversi progetti paralleli: lego mainstorm e l’autocostruito a base aldunica. Per agevolare la classi prime e seconde, abbiamo deciso di lavorare di più con la lego mainstorm, quella che tutti conosciamo, ma la parte che ci interessa di più è quella del processore che gestisce il programma e dei sensori per riconoscere la linea e quelli ad ultrasuoni. Risulta un pò più accessibile a livello di progettazione: la nostra scuola ha scelto il linguaggio G che permette una programmazione molto simile ai diagrammi di flusso”.

Articoli correlati