24, Maggio, 2024

Montevarchi, cambiano di nuovo i cassonetti stradali. L’Amministrazione: “Sostituzione a costo zero per i cittadini”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Da lunedì 6 marzo parte la graduale sostituzione di tutti i cassonetti presenti nel territorio comunale di Montevarchi. Una nuova sostituzione, decisa perché, spiega l’Amministrazione, quelli attuali non hanno dato i risultati che il gestore Sei Toscana aveva garantito. Dunque si cambia ancora: la sostituzione sarà effettuata, dal lunedì al venerdì, da Sei Toscana con una nuova installazione di circa tre o quattro postazioni al giorno. L’utenza della zona sarà avvisata con un cartello messo il giorno prima sulle postazioni interessate dalla sostituzione.

“Una necessità che la nostra Amministrazione aveva evidenziato ormai da alcuni anni – afferma l’Assessore Lorenzo Posfortunato – e che si era resa necessaria perché l’attuale tipologia di cassonetti non ha dato i risultati a suo tempo assicurati dal gestore in termini di affidabilità, robustezza, praticità. Possiamo invece ritenerci soddisfatti dei risultati espressi dal consuntivo anno 2021, forniti recentemente da Ato Toscana Sud, in quanto il segnale per Montevarchi è di una diminuzione dei costi a fronte di un miglioramento dei quantitativi di raccolta differenziata”.

“La sostituzione dei cassonetti – spiega ancora Posfortunato – sarà effettuata da Sei Toscana e rientra negli obblighi dello stesso gestore di fornire attrezzature e servizi che garantiscano la corretta ed efficiente raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, senza alcun costo aggiuntivo per il Comune e quindi per i cittadini. L’iter sarà completato nell’arco di alcuni mesi, iniziando dalle zone periferiche confinanti con il Comune di San Giovanni dove è presente la stessa tipologia di cassonetti. Il completamento delle operazioni è previsto al massimo entro giugno come da indicazioni ricevute dal gestore”.

Nello stesso tempo, ha concluso l’assessore, “verrà portata a termine anche la riorganizzazione del servizio delle postazioni di raccolta nelle zone periferiche, con bidoni di prossimità ad accesso controllato”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati