04, Febbraio, 2023

Insediato il nuovo Coordinamento del Valdarno di Libera. “Pronti a lavorare per la legalità e la lotta alla criminalità organizzata”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Dopo la conferma in qualità di referente di Pierluigi Ermini da parte dell’assemblea dei soci a dicembre, si è ora insediato il nuovo coordinamento del Valdarno di Libera. Ne fanno parte quindici persone: Sara Bracchini, Letizia Dei, Nicola Caruso, Nicola Mugnai, Sergio Serges, Mauro Valeri e Pierluigi Ermini che facevano parte anche del coordinamento precedente; Loris Auzzi, Paolo Marziali, Francesco Verniani, Cesare Gabrielli, Romeo Romei, Maurizio Viligiardi, Elisa Lodi che entrano per la prima volta a far parte dell’organismo, oltre a Veronica Loew Cadonna, Referente del Presidio “Giovanni Spampinato”, che fa parte di diritto del coordinamento.

Sono tante anche le associazioni che sono ora rappresentate all’interno del Coordinamento del Valdarno: Fraternità della Visitazione, Caritas, Agesci, Associazione di Solidarietà, Associazione per la salvaguardia dei luoghi della memoria, Anpi Valdarno, Comitato Progetto Chernobyl, Arci Valdarno, Cgil Valdarno. Il nuovo coordinamento resterà in carica per 3 anni e svolgerà la propria attività sia nel Valdarno Aretino che nel Valdarno Fiorentino.

Nel primo incontro, che si è svolto nei giorni scorsi, il Coordinamento ha deciso di continuare la sua attività su tanti e diversi campi che investono il contrasto alla criminalità organizzata, e il tema della legalità e della giustizia sociale: dall’osservatorio sui reati che vengono commessi nel nostro territorio, alle indagini in corso sulle infiltrazioni mafiose che riguardano anche il Valdarno, ai temi ambientali, alla formazione nelle scuole di ogni ordine e grado, al contrasto al gioco d’azzardo, al recupero dei beni confiscati, al contrasto alle forme di caporalato, a un’attenzione particolare verso le diverse forme di disuguaglianza sociale, alla memoria delle vittime innocenti delle mafie.

Confermato anche l’impegno sul progetto “Valdarno-Valdisieve E!state Liberi!”, con la partecipazione di giovani del territorio ai campi sui beni confiscati, per il progetto “Gioco scaccia gioco” che quest’anno riguarda circa 800 studenti delle scuole medie superiori del Valdarno; e poi ancora l’attenzione al tema degli appalti per le opere pubbliche, ai rapporti con le istituzioni, la magistratura e le forze dell’ordine e il mondo associativo.

L’impegno del nuovo coordinamento, grazie anche al suo ampliamento, vuole essere da stimolo per tutta l’opinione pubblica per una presa di coscienza dei rischi che in tema di infiltrazioni mafiose e di forme di radicamento della criminalità organizzata, anche il nostro Valdarno corre. Al tempo stesso il Coordinamento agirà di conseguenza, in accordo con il mondo della scuola, sociale, economico e istituzionale del territorio, per promuovere l’impegno verso la propria comunità, un cultura del “noi” contro la cultura dell’ “io”, la ricerca della legalità e della giustizia sociale.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati