27, Maggio, 2024

Giornata nazionale in ricordo delle vittime di mafia, in corteo a Milano anche Libera Valdarno

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Anche una rappresentanza di Libera Coordinamento Valdarno e dei giovani del Presidio Libera Giovanni Spampinato ha preso parte, oggi, a Milano alla manifestazione organizzata in occasione della Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno, in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Una celebrazione giunta alla sua 28esima edizione, e riconosciuta ufficialmente dallo Stato con la legge n. 20 dell’8 marzo 2017.

Presenti anche l’assessore alla cultura di Figline e Incisa, Dario Picchioni, e il presidente del Consiglio comunale, Federico Cecoro.

 

Dopo due anni di sospensione per i limiti imposti dalla pandemia, Libera è tornata ad organizzare oggi, 21 marzo, un corteo nazionale, radunando a Milano persone da ogni parte d’Italia, per catalizzare le energie di quanti vogliano impegnarsi per la costruzione di orizzonti di giustizia sociale, avverso le mafie e la corruzione: lo slogan di questa edizione è infatti “È possibile”, perché con l’impegno di tutti si può arrivare ad affermare la pace, la giustizia, la verità, i diritti, l’accoglienza e la libertà.

E in occasione di questa giornata il sindaco di Reggello, Piero Giunti, ha commentato: “Per il nostro Comune il 21 marzo rappresenta una tappa di un impegno che dura 365 giorni all’anno attraverso progetti e attività che vedono i nostri giovani, insieme a Libera e a 14 comuni del Valdarno e Valdisieve, impegnati ad andare nelle scuole e nelle terre confiscate alla mafia attraverso i campi “EstateLibera”. Questa mattina vedendo il Presidente della Repubblica celebrare questa giornata a Casal di Principe, in ricordo di Don Peppe Diana e di tutte le altre vittime innocenti delle mafie, non posso fare a meno che ricordare i nostri giovani reggellesi che nel 2019 si sono recati proprio a Casal di Principe con il progetto “ReggelloEstateLibera”. Questa giornata di mobilitazione ci aiuti a rafforzare la nostra consapevolezza che la convivenza civile e pacifica si fonda sulla giustizia sociale, sulla dignità a sulla libertà di ogni persona. Grazie a Libera per la preziosa attività che sta svolgendo e grazie al Presidente Mattarella per questa forte e concreta testimonianza a Casal di Principe”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati