29, Novembre, 2022

Bandiera Verde per azienda agricola di Castelfranco Piandiscò: fra le migliori dieci in Italia grazie al giaggiolo

Più lette

In Vetrina

L’azienda agricola di Gabriele Venturi, “Arte di Beppe”, di Castelfranco Piandiscò ha ricevuto ieri in Campidoglio una bandiera verde per la coltivazione di giaggioli con metodo biologico e antiche tradizioni. 

La Cia Agricoltori Italiani alle best practice agricole ha consegnato in una cerimonia, svolta a Roma in Campidoglio, l’ambito riconoscimento all’azienda valdarnese. Infatti, grazie alla sue coltivazione a 600 metri di altezza e con metodo biologico, Gabriele Venturi continua la tradizione di famiglia avviata dal nonno, appunto Beppe. Egli fu il primo a credere nello splendido fiore viola, simbolo di Firenze, dal quale si estrae un profumo unico, che nessuno riesce ancora a riprodurre chimicamente. L’arte di Beppe è una delle dieci aziende che, quest’anno, hanno ottenuto il riconoscimento nazionale. La Cia, nell’assegnare questo riconoscimento, guarda a quelle realtà agricole in grado, ancora oggi, di conservare un legame con il loro territorio, ma anche di recuperare antiche colture in terreni impervi e con un’anima green.

Gabriele Venturi: “Quando eravamo insieme (io e il mio babbo) a testa bassa, a lavorare, a recuperare ogni pezzo di terra buono ci siamo detti: “Prima o poi ce lo daranno un premio?“. Ed ecco che il premio è arrivato!”. Gabriele Venturi, oggi a capo dell’azienda familiare, con emozione ha ritirato il premio e ha presentato la sua realtà fatta di sacrifici, impegno, ma anche di fioriture magnifiche. Ancora Venturi: “Ho voluto concentrare l’attività aziendale esclusivamente sull’iris, un prodotto di nicchia, che deve stare sul campo quattro anni. Il nostro è un prodotto particolare, che nasce e cresce a un’altezza superiore ai 600 metri e che viene coltivato con metodo biologico. Il problema è il controllo delle erbe infestanti: sui terreni, nelle aree montane, non è possibile intervenire in modo meccanizzato, dobbiamo lavorare con tanta fatica. Per il futuro? Spero di poter consolidare i risultati raggiunti anche se scenario politico-sociale nazionale e internazionale è carico di problemi e di incertezze”.

Alla cerimonia hanno partecipato anche la Presidente di Cia Arezzo, Serena Stefani, e il Direttore Massimiliano Dindalini. La Presidente Stefani: “Abbiamo accolto con entusiasmo il premio consegnato a questa azienda. È un riconoscimento meritato all’impegno con cui questa azienda ha lavorato per migliorare la qualità delle produzioni e dell’ambiente ed è un modo per tenere i riflettori accesi sulle realtà agricole”. Anche il Direttore Dindalini si dichiara soddisfatto: “Un’edizione straordinaria anche per il Valdarno e la Provincia di Arezzo che si sono distinti laureando una loro azienda tra i dieci campione italiani di agricoltura”.

Articoli correlati