14, Aprile, 2024

Alle fermate dell’autobus arrivano le paline elettroniche di Autolinee Toscane

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Prosegue il percorso di innovazione di Autolinee Toscane: questa volta è il territorio della provincia di Arezzo a vedere completata l’installazione delle paline elettroniche di ultima generazione. Si tratta, nel dettaglio, di 36 paline urbane installate in vari punti della città di Arezzo e di 43 paline extraurbane attivate in vari punti e comuni della provincia aretina, tra cui anche alcuni del Valdarno aretino.

Nel dettaglio, in Valdarno le paline sono state installate a Bucine, Castelfranco Piandiscò (3 paline), Cavriglia, Laterina, Loro Ciuffenna (2 paline), Montevarchi (6 paline), Pergine Valdarno (2 paline), San Giovanni Valdarno.

Le nuove paline, prodotte dalla ditta svedese Axentia Technologies AB, sono alimentate con batterie interne; non necessitano di lavori accessori per le alimentazioni (no cablaggio di cavi, no allacciamento, no pannello solare). Lo schermo da 13 pollici utilizza la tecnologia e-ink (inchiostro elettronico), utilizzata anche per gli e-book. Questa tecnologia consente un’ottima leggibilità da qualsiasi angolazione, anche in condizioni di luce diretta sul display. Nelle ore notturne i display sono illuminati. Sono tutte predisposte per l’installazione del pulsante audio utile per la vocalizzazione dei messaggi informativi.

“L’innovazione di At procede – ha detto il presidente di Autolinee Toscane Gianni Bechelli – e, in accordo con la Regione Toscana e come previsto dal bando di gara, stiamo procedendo all’attivazione di 1.013 paline sull’intero territorio regionale. Dopo Siena e provincia (130 paline) abbiamo completato il lavoro anche ad Arezzo e provincia: queste tecnologie più avanzate consentono al servizio del trasporto pubblico di diventare sempre più accessibile per gli utenti e capace di essere in rapporto diretto con le persone”.

“Il progetto paline elettroniche – aggiunge Jean Laugaa, Ad di At – è stato anticipato rispetto alla previsione contrattuale (ovvero 36 mesi dal primo giorno di servizio) e viene realizzato in parallelo con l’implementazione, su tutta la flotta, di sistemi tecnologici (AVM) di ultima generazione e interoperabili sull’intero territorio toscano. Ad Arezzo stiamo completando l’attivazione dell’Avm sulla flotta urbana, quindi siamo in grado di fornire i dati dei passaggi in tempo reale alla fermata per quasi tutte le nostre linee bus urbane”.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati