02, Luglio, 2022

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

Ottantadue gli equipaggi pronti a darsi battaglia nell’edizione 2022 del “Rally di Reggello-Città di Firenze”

Più lette

In Vetrina

Ottantadue gli equipaggi iscritti alla quattordicesima edizione del “Rally di Reggello-Città di Firenze”, in programma questo fine settimana nel valdarno fiorentino, quarta prova della Coppa Rally di VI zona, l’ultima a coefficiente 1,5.

L’evento, organizzato dalla Reggello Motor Sport con la collaborazione di Aci Firenze, come al solito sarà doppio, comprendendo pure anche la classica “Coppa Città dell’Olio”, occasione imperdibile per le vetture storiche.

Il “Rally di Reggello-Città di Firenze”,  proprio con il coefficiente massimo di punteggio e valido per l’R Italian Trophy, per il Trofeo Rally Toscano e per il Premio Rally Aci Lucca, si pone come uno dei rallies regionali di maggior interesse sotto il profilo sportivo, con un plateau di partenti di alto livello, che non mancheranno di dare spettacolo e fornire importanti indicazioni tecnico-sportive.

Insegue il sesto alloro il pisano Carlo Alberto Senigagliesi, con la Skoda Fabia Rally2, ma sulla sua strada troverà avversari di livello, a partire dal blasonato parmense Roberto Vescovi, su vettura analoga, recente secondo assoluto al rally “Abeti” di fine maggio e deciso a mettere in cassaforte punti pesanti per la Coppa di Zona. Il valdinievolino Fabio Pinelli, il fiorentino Nicola Fiore, l’aretino Roberto Cresci, tutti pure loro con una Skoda, sono pronti a dare battaglia per i vertici della classufica , così come, entrambi con la Fabia, Leonardo Santoni e Paolo Segantini, quest’ultimo terzo assoluto al “BiancoAzzurro” di San Marino due settimane fa. Tutto da scoprire il senese Alberto Salvini, che dopo le tante vincenti esperienze con le vetture storiche si cimenterà con una VolksWagen Polo R5, che guiderà per la prima volta in una gara cui è affezionato, avendola vinta con la Porsche storica alla prima edizione del 2008.

Per la “Over 55” i gentlemen Marco Cavalieri (Polo R5 anche per lui) e Pierluigi della Maggiora (Skoda) si pongono tra i più agguerriti, ma attenzione al pistoiese Davide Giordano, alla seconda gara con una Skoda Fabia, deciso a riscattare la recente delusione del Rally “Abeti”. Si attende poi una gara di livello dal giovane livornese David Tanozzi (pure lui in Skoda) e sarà interessante seguire il debutto con una supercar (una Skoda) di Sandro Sanesi, il pluridecorato copilota fiorentino che spesso passa al volante.

L’attenzione sarà poi anche per le vetture a due ruote motrici, dove diversi “nomi” avranno da farsi notare anche nei quartieri alti dell’assoluta. Sarà una sfida spettacolare, con il ritorno sulla Renault Clio Super 1600 del forte lucchese Luca Panzani che, abbandonata momentaneamente la Skoda (una vittoria già per lui quest’anno al “Carnevale” di febbraio), cercherà il risultato d’effetto dovendo però battagliare con il lombardo Garuti, con l’aretino Cappelletti ed il veneto Casarotto, tutti al vua con la sua stessa vettura. Spettacolo e grandi performance li daranno il lucchese Stefano Gaddini, che debutterà con una Peugeot 208 Rally4, vedendosi opposto al giovane e veloce pisano Lorenzo Sardelli, ma anche all’esperto montecatinese Paolo Moricci, che testerà la sua nuova Renault Clio Rally4. Attenzione poi a Marco Betti (Peugeot 208) ed anche al locale Tiberio Bettini, che certamente farà gli onori di casa, anche lui debuttando con la 208 Rally4. Tre le dame in gara: la pratese Susanna Mazzetti che ci riprova con la Skoda Fabia Rally2, la folignate Chiara Galli (Peugeot 208) e la pistoiese naturalizzata elbana Paola Fedi, che torna sulla Renault Clio Rally5, affiancata dal marito Andrea Volpi e decisa a rifarsi della sfortuna sofferta al Rally Abeti.

La strade reggellesi proporranno l9esperienza di sfidarsi su strade molto tecniche, che punteggiano un tracciato che unisce tradizione e novità. Sono sei, nel complesso, le prove speciali, una da ripetere per due volte, una per tre occasioni, più una terza prevista per un solo passaggio. ll totale della distanza coperta dalle sei prove speciali sarà di 65,980 chilometri su un totale di 183,510.

 

Articoli correlati