20, Maggio, 2022

“Rally di Reggello-Città di Firenze”, in tanti al via per scrivere il proprio nome nell’albo d’oro accanto al numero tredici

spot_img

Più lette

Sale l’attesa per il via alle sfide della tredicesima edizione del “Rally di Reggello-Città di Firenze”, in programma sabato e domenica.

Due anni fa la gara si conclose con il poker di vittorie del pisano Carlo Alberto Senigagliesi, con una Skoda Fabia R5 e proprio il driver di Pomarance si ripresenta al via della gara con il numero uno sulle fiancate per andare a centrare la cinquina, sempre con la Fabia, in versione evoluta. A cercare di fare naufragare questo proposito saranno i fiorentini Marco Cavalieri e Nicola Fiore, i lucchese Luca Cecchettini e Pierluigi Della Maggiora, il  veneto Andrea Ceccato e il  livornese David Albert Tanozzi, tutti su Skoda Fabia.

In gara, per testare nuove soluzioni di sviluppo alla sua Mitsubishi Space Star R5, il pistoiese Davide Giordano, affiancato dal fratello Andrea. Di grande interesse la presenza di due vetture di classe N5, nello specifico due Renault Clio, quelle affidate al veneto Simone Boscariol ed al teramano Alfredo  De Dominicis, che già ha corso a Reggello nel 2015 giungendo secondo. Il locale Tiberio Bettini, con la sua Renault Clio S1600 torna dopo due stagioni di stop e si pone tra i candidati al successo delle “due ruote motrici”, dovendosi però guardare alle spalle dall’aretino Cappelletti (Renault Clio S1600), dai laziali Di Giovanni (Renault Clio R3) e Sciscione (Peugeot 208 R2), oltre che dai pistoiesi Emanuele Danesi (Ford Fiesta R2) e Lorenzo Nesti (Peugeot 208 R2). Occhi puntati anche su Giacomo Matteuzzi, con una Renault Clio R3T.  Non mancheranno poi le performance dell’esperto Gianni Lazzeri e di Mariano Mariani, che tornano entrambi con la datata ma sempre efficace Renault Clio Williams, così come si attende nelle posizioni alte della classifica Emanuele Corti, con la Renault Clio RS,

Nella “Coppa Città dell’Olio”, riservata alle  vetture storiche, è il sammarinese Giuliano Calzolari, con la sua Ford Escort a prenotare l’alloro e bissare cosi ul successi del 2018, La possibile leadership del pilota del Monte Titano sarà certamente messa in discussione dal pratese Brunero Guarducci e la sua BMW M3. Per stilare le classifiche finali assolute si dovranno attendere anche i responsi cronometrici di Massimiliano Fognani su A112 Abarth.

Articoli correlati