07, Dicembre, 2021

Piero Giunti conquista il comune, “un risultato oltre ogni aspettativa”. Nenci al 27%, M5S e Pci sotto al 5%

spot_img

Più lette

Con oltre il 65% dei consensi e 4.878 preferenze, Piero Giunti, ex vicesindaco e reggente dopo l’elezione di Benucci in consiglio regionale, è da oggi il nuovo sindaco del comune di Reggello. Grande soddisfazione per il risultato personale e quello di squadra, dell’intera coalizione: “Questo è un risultato oltre ogni più rosea aspettativa, anche perché qui a Reggello ci siamo trovati davanti ad una situazione nuova: il centrodestra era infatti unito, e quindi per noi essere riusciti ad ottenere un risultato di questo genere è qualcosa che ci fa sentire molto soddisfatti. Ora ripartiamo a lavorare per Reggello: lo faremo sia con la promozione del territorio che passa dalla Rassegna dell’Extravergine, tra meno di un mese; sia con gli atti amministrativi, con l’approvazione del bilancio di previsione per il 2022 tenendo presente i delicati passaggi che avremo di fronte. Ringrazio le forze politiche che mi hanno sostenuto, e vorrei sottolineare che questo risultato è proprio frutto di un lavoro di squadra: e questo è stato il valore aggiunto più importante”.

L’analisi del voto dal punto di vista delle liste, vede la netta predominanza del Partito Democratico che si conferma il primo partito a Reggello, con oltre il 52% delle preferenze; segue la civica Reggello Viva, della coalizione di Giunti, con quasi 900 preferenze. La candidata del centrodestra unito Veronica Nenci sfiora il 27% dei consensi: nella sua coalizione vanno bene Lega e FdI, che raccolgono oltre 600 voti a testa, seguiti dalla civica Nenci Sindaco con 560 preferenze. Indietro invece Forza Italia, con 125 voti. Gli altri due candidati a sindaco si fermano molto indietro: Tiberio Papi, M5S, sotto il 5% con 366 voti, commenta: “Il crescente astensionismo, a livello locale come nazionale, ci ha toccato da vicino: evidentemente, fra coloro che non sono andati al voto, ci sono stati potenziali elettori del M5S che non si sono riconosciuti nella nostra proposta e nel nuovo corso avviato con Conte. Un dato su cui dovremo riflettere”. Il PCI infine con il candidato Barozzino si ferma al 3% con 225 voti raccolti.

TUTTI I NUMERI 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati