01, Dicembre, 2021

Insediato il nuovo Consiglio comunale, la Presidenza a Pecoraro. Giuramento di Chiassai che illustra le linee guida del mandato

spot_img

Più lette

Si è insediato ufficialmente il nuovo Consiglio comunale di Montevarchi: è quello disegnato dai risultati delle urne, modificato dalle surroghe in seguito alle nomine di due assessori, ovvero Bucciarelli e Allegrucci, che erano consiglieri eletti, e hanno lasciato il posto rispettivamente a Chiara Masini per Prima Montevarchi e a Lucia Scancariello per FdI; e in seguito a due rinunce all’opposizione, quella del candidato sindaco Luca Canonici, che non è entrato in Consiglio comunale e al suo posto si è insediato Fabio Camiciottoli di Avanti Montevarchi, e quella di Flavio Nardi della lista civica Impegno Comune, surrogato in consiglio da Cristina Rossi.

Alla fine il Consiglio è così composto: in maggioranza, Claudio Rossi, Lorenzo Becattini e Chiara Masini (Prima Montevarchi); Angiolo Salvi, assente per problemi di salute, Alessia Paola Salvi e Alfonso Pecoraro (Forza Italia Lista Indipendente); Giacomo Brandi, Rita Badii e Mauro Emanuele (civica Silvia Sindaco); Lucia Scancariello (Fratelli d’Italia). All’opposizione, Elisa Bertini, anche lei assente per motivi di salute, Luciano Rossetti, Samuele Cuzzoni e Letizia Baldetti (PD), Fabio Camiciottoli (Avanti Montevarchi) e Cristina Rossi (civica Impegno Comune). Cuzzoni ha presieduto la prima parte del Consiglio in quanto consigliere anziano in base ai voti, sostituendo Bertini che ha inviato una lettera al Consiglio comunale per salutare i colleghi e augurare a tutti cinque anni di proficuo lavoro per il bene di Montevarchi.

La convalida degli eletti è stata seguita dall’elezione del Presidente e del Vicepresidente del Consiglio comunale: entrambe le cariche sono state espressione della maggioranza, e quindi il nuovo Presidente è Alfonso Pecoraro, nominato con 10 voti a favore, quelli di tutta la maggioranza, e 5 astensioni, dell’opposizione; il Vicepresidente è Giacomo Brandi, che ha ricevuto 9 voti favorevoli, 3 contrari (dal PD) e 3 astenuti (Camiciottoli e Rossi all’opposizione e lo stesso Brandi). Prima del voto, Rossetti del PD ha sottolineato la mancanza di apertura da parte della maggioranza nei confronti della minoranza per la scelta della vicepresidenza.

È stato poi il momento del giuramento del sindaco Silvia Chiassai Martini sulla Costituzione italiana e dell’esposizione delle linee di mandato: Chiassai ha elencato i progetti già avviati, quelli pronti a partire e quelli per i quali sono stati già rintracciati i necessari finanziamenti, e che dunque saranno al centro del nuovo mandato amministrativo. In chiusura ha poi ribadito: “L’impegno è di continuare ad essere il sindaco di tutti, di chi mi ha votato e di chi non lo ha fatto, cittadina tra i cittadini, ascoltando le esigenze della comunità per soddisfare i bisogni di ognuno, ma soprattutto lavorando perché nessuno si senta lasciato solo. Auguro un buon lavoro al Consiglio comunale che oggi apre una nuova fase storica di questo comune”.

 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati