25, Giugno, 2022

Disagi nei trasporti ferroviari, Trambusti e Giannelli (FdI): “L’assessore Baccelli dirà che è colpa del terremoto?”

Più lette

In Vetrina

Valentina Trambusti, portavoce Fratelli d’italia Valdarno e Giampaolo Giannelli, responsabile provinciale trasporti Fratelli d’Italia, intervengono con una nota sulla situazione di ritardi e disagi sulla linea ferroviaria del Valdarno: “I pendolari valdarnesi si trovano ogni giorno ad affrontare mille peripezie sui convogli di Trenitalia. Pensavamo di aver visto tutto il peggio possibile con l’assessore Ceccarelli, ma evidentemente l’assessore Baccelli vuole batterlo. Eh si, perché i problemi, che abbondano su tutte le tratte del trasporto regionale in Toscana, negli ultimi tempi sono esplosi anche sulla linea Valdarno direttissima e la rabbia dei viaggiatori sta montando sui social”.

“La settimana – fanno il punto Trambusti e Giannelli – era iniziata male il 2 maggio, con ritardi segnalati già dal mattino, a partire dal treno che parte da Arezzo alle 7.08 per arrivare a treni con servizi mancanti, come il jazz 18853, segnalato con un solo bagno a bordo e non funzionante. Il 3 maggio ha visto poi l’apice dei problemi, in serata in particolare, con il l RV 4085 in forte ritardo e traboccante di passeggeri. Ma la giornata del 4 maggio registra di nuovo problemi, anzi probabilmente li amplifica. Si parte subito col treno 18826 in forte ritardo, non si sa per quale ragione, per arrivare al 18742, Arezzo – Firenze Santa Maria Novella, soppresso, senza un perché”.

“Sarebbe opportuno che l’assessore Baccelli, anziché parlare di “cabina di regia che sta dando risultati” (ma quali????) lasciasse a casa auto blu ed autista, e si facesse ogni giorno un bel viaggetto su tutte le tratte del drammatico sistema del trasporto ferroviario toscano. O quantomeno accettasse l’invito, caduto nel vuoto, fatto più volte dal gruppo regionale di Fratelli d’Italia, a riferire dei problemi nella commissione regionale competente. Perché la situazione sta diventando insostenibile ed il malcontento cresce sempre più”, conclude la nota dei due esponenti di FDI.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati