30, Novembre, 2022

Via Trento, il sindaco risponde a un’interrogazione sui segni di dissesto: “Alcune situazioni non convincono, potrebbero richiedere un ripristino”

Più lette

In Vetrina

Il sindaco di Montevarchi ha risposto a un’interrogazione presentata dal consigliere Nardi sui problemi visibili sulla strada inaugurata alla fine di agosto. “La via si trova nel periodo di consegna provvisoria, previsti altri monitoraggi: forse necessario dare maggiore stabilità sotto i punti più critici e ripristinare il marciapiede”

Nella seduta di consiglio di martedì a Montevarchi, il sindaco Grasso ha risposto a un’interrogazione su via Trento, una delle strade del centro storico interessate dal progetto di recupero e inaugurata alla fine di agosto. L’interrogazione era stata presentata dal consigliere Flavio Nardi, del gruppo Democratici e Progressisti, per avere chiarimenti dato che la strada mostra già alcuni segni di dissesto a meno di un anno dal taglio del nastro.
 
“La via si trova ancora nel periodo di consegna provvisoria, sono previsti altri due monitoraggi su alcuni aspetti che non convincono”, ha spiegato il primo cittadino. Se sarà verificata la necessità, verrà data maggiore stabilità al terreno sottostante i punti più critici, dove si sono formati degli avvallamenti, aggiungendo ulteriore sabbia e terra, per poi passare al manto di asfalto definitivo.
 
Anche la situazione di alcune pietre dei marciapiedi è in stato di ricognizione per un ripristino. Già lo scorso febbraio l’amministrazione aveva provveduto a far ricoprire la buca che si era creata lungo la strada. Il consigliere Nardi ha riconosciuto l’ammissione da parte del sindaco di interventi necessari su via Trento, ma ha sottolineato che i problemi sono tutt’ora presenti, ben visibili e possono comportare problemi sia per le auto che transitano, sia per i pedoni.

 

Articoli correlati