07, Agosto, 2022

Venturino Venturi e i poeti dell’ermetismo: in mostra a Firenze fino a febbraio

Più lette

In Vetrina

In occasione dei cento anni dalla nascita dei poeti Mario Luzi, Piero Bigongiari e Alessandro Parronchi, la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron e il Gabinetto Vieusseux presentano la mostra “Volti dell’Ermetismo. Venturino a Villa Bardini e all’Archivio Bonsanti”, visibile al pubblico fino al 15 febbraio

Venturino Venturi protagonista di una mostra dedicata ai poeti dell'ermetismo, molti dei quali l'artista di Loro Ciuffenna conobbe personalmente, e ai quali dedicò i ritratti che saranno al centro di questa esposizione. 

L'occasione è data dal centenario dalla nascita dei poeti Mario Luzi, Piero Bigongiari e Alessandro Parronchi. La mostra, dal titolo “Volti dell’Ermetismo. Venturino a Villa Bardini e all’Archivio Bonsanti”, è promossa dalla Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e dal Gabinetto Vieusseux.

Attraverso l’esposizione di ottanta opere di Venturino Venturi, in particolare i ritratti dei protagonisti della grande stagione poetica dell’Ermetismo, la mostra darà conto della singolare osmosi che si venne a creare tra poesia e arte visiva. Curata da Lucia Fiaschi, l’esposizione avrà la sede principale a Villa Bardini, dove saranno presentati i ritratti dei protagonisti di quella stagione culturale. La seconda parte è invece all’Archivio Bonsanti del Gabinetto Viesseux, con una selezione di ritratti astratti degli anni Quaranta e Cinquanta, album, monotipi e matrici.  

Tutte le opere in mostra testimoniano la centralità della figura di Venturino nella rete culturale degli scrittori e dei poeti attivi a Firenze nella stagione ermetica. Con alcuni di loroVenturino percorrerà insieme lunghi tratti di vita, come con Parronchi, che non lo abbandonerà nemmeno negli anni bui  del ricovero nell’ospedale psichiatrico, o Mario Luzi  che scriverà: “Con Venturino e più ancora con il pensiero di lui sono stato per tutta o quasi la vita”.

Le opere provengono da collezioni pubbliche: Galleria degli Uffizi, Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti e Museo Venturino Venturi; e da collezioni private, tra cui l’Archivio Venturino Venturi e la raccolta dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Informazioni sul sito della Fondazione

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati