20, Luglio, 2024

Un grande spettacolo di musica e bandiere: Piazza Ficino celebra i 50 anni dei Borghi e Sestieri Fiorentini

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Grande spettacolo per l’iniziativa promossa dagli Sbandieratori di Figline e Incisa in occasione dei festeggiamenti per il 50° anniversario della fondazione del gruppo. Ad esibirsi in Piazza Ficino anche altri gruppi, a cominciare dagli amici di Marostica.

Un tripudio di suoni, colori e bandiere: Piazza Marsilio Ficino è rimasta incantata ad ammirare le esibizioni organizzate dagli Sbandieratori dei Borghi e Sestieri Fiorentini per promuovere i festeggiamenti del 50° anniversario della fondazione del gruppo. Grande spettacolo  per la “Serata di Musica e Bandiere” che si è svolta ieri. 
 
Ad aprire le esibizioni, che sono iniziate alle 18, il corteo storico che ha visto la partecipazione dei figuranti del Centro Rievocazione Storica Città di Montevarchi, il Gruppo Musici della Giostra del Saracino di Arezzo ed i Vessilliferi e Musici della Partita a Scacchi di Marostica accompagnati da un Corteo di Figuranti.
 
Gli Sbandieratori di Figline e Incisa hanno infatti voluto condividere questa occasione dei festeggiamenti delle loro nozze d’oro  con altri gruppi con i quali sono legati da un’antica amicizia. A cominciare dai Vessilli di Marostica: oltre a essere presenti a tutte  le edizioni della Partita a Scacchi dal 1970, i Borghi e Sestieri Fiorentini hanno avuto l’onore di essere invitati a molte delle uscite all’estero a cui partecipava la imponente compagine della manifestazione veneta: Chicago e Denver nel 1992, Toronto nel 1997, Melbourne nel 2003.
 
Al termine, una sorpresa finale da parte degli sbandieratori, con una “diversa” esecuzione dell’Inno della Vittoria, l’esercizio con il quale di solito si concludono le esibizioni del Gruppo, in cui lo sbandieratore accompagna il suono di trombe e tamburi. Lo squillo ha origini antiche e celebrava la vittoria dell’esercito nel periodo dei liberi comuni a cui si ispira la tradizione di stampo militare del Gruppo. In chiave moderna le note dell’Inno sottolineano invece la vittoria di quegli ideali che hanno permesso al Gruppo di attraversare mezzo secolo di Storia dal 1965 a oggi: impegno, passione, divertimento e amicizia.

Articoli correlati