17, Aprile, 2024

Treni sempre in ritardo e nessuna comunicazione: il Comune di Figline Incisa pronto a scendere in piazza insieme ai pendolari

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Sui problemi atavici dei pendolari valdarnesi e sull’assenza di risposte concrete interviene di nuovo l’assessore del comune di Figline Incisa che si dice pronta a scendere in piazza per protestare insieme ai cittadini.

 L’Amministrazione comunale di Figline e Incisa Valdarno si è fatta portavoce di questo disagio, promuovendo varie azioni: dai confronti con l’assessore regionale ai trasporti, Baccelli, alla presentazione di una lista di richieste al tavolo istituzionale con Regione, Rfi e Trenitalia, dall’assemblea pubblica organizzata in accordo con gli altri Comuni del Valdarno fiorentino e con il Comitato Pendolari Valdarno fino alla nuova richiesta formale, insieme anche al Valdarno aretino, di aggiornare il tavolo istituzionale e ottenere quindi risposte e soluzioni da Rfi e Trenitalia.

“Ad oggi, però – spiega l’assessora Elena Cencetti-, nonostante i vari solleciti, l’incontro non è ancora stato convocato, mentre i disagi e i disservizi per i pendolari continuano sotto più profili: dal problema dei ritardi, che è quello principale, a quello delle mancate comunicazioni all’utenza, dalle difficoltà per i disabili nell’usufruire del servizio di trasporto pubblico al degrado nelle stazioni. Come Amministrazione comunale stiamo continuando a dialogare con i cittadini che tutti i giorni prendono il treno per motivi di studio, salute o lavoro e a registrare, purtroppo, gravissimi disagi, non ultimo quello di ieri, che ha bloccato all’interno di un treno i pendolari per ore, per poi riportarli indietro, senza spiegazione alcuna. Questa situazione non è più sostenibile: abbiamo provato a portare avanti un’interlocuzione con le parti interessate, ma devo constatarne la scarsa efficacia: siamo quindi pronti a scendere in piazza, insieme al Comitato pendolari, per dire basta a questi disagi”.

 

Articoli correlati