30, Gennaio, 2023

Treni, i consiglieri regionali Veneri e Capecchi (Fdi) annunciano una mozione. “La Regione applichi le penali”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

“Cosa sta facendo la Regione per limitare il quotidiano calvario dei pendolari del Valdarno e di Arezzo?”. Lo chiedono, con una mozione, i consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Gabriele Veneri e Alessandro Capecchi, vicepresidente della Commissione Ambiente, Trasporti e Territorio. Al centro del documento c’è, appunto, la situazione del trasporto ferroviario sulla linea aretina. L’iniziativa arriva in vista della data del 25 gennaio, quando Rfi e Trenitalia verranno ascoltate in Commissione Trasporti.

“Continuiamo a ricevere – spiegano Veneri e Capecchi – segnalazioni e lamentele dai pendolari che denunciano pesanti disservizi ferroviari per la condizione disastrosa in cui versa la tratta da e per Firenze. La Regione applichi, e non soltanto annunci, penali a Rfi e Trenitalia; alle due aziende chiederemo spiegazioni dei gravi e continui disservizi direttamente il 25 gennaio quando verranno ascoltate in Commissione Trasporti. La Regione quanto pensa di rimanere ancora inerte di fronte a ritardi pesantissimi, attese interminabili in stazione, ore di lavoro e di studio perse? E’ inutile che il Governatore Giani e l’assessore Baccelli alzino la voce senza però che venga trovata, insieme ai gestori del trasporto, una soluzione definitiva alle criticità che impattano significativamente sulla vita delle persone”.

“Il monitoraggio effettuato dai vertici regionali – concludono i due consiglieri regionali – non sembra aver prodotto alcun risultato concreto, la Regione deve pretendere e garantire il funzionamento e la puntualità dei treni sulle tratte maggiormente utilizzate da lavoratori e viaggiatori. Un calvario quotidiano fatto di guasti, interruzioni, preparazioni di treni in ritardo, disservizi vari. Ogni giorno, per stessa ammissione della Regione, il 15% dei treni ha un ritardo superiore ai 5 minuti rispetto all’orario programmato rendendo il servizio non pienamente affidabile, mentre i pendolari pagano quasi 88,50 euro al mese di abbonamento”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati