26, Maggio, 2022

Toscana in zona gialla dal 10 gennaio, poche le differenze nelle regole

spot_img

Più lette

Il ministro della Salute, Roberto Speranza ha firmato le ordinanze per il passaggio da lunedì 10 gennaio dalla zona bianca alla zona gialle delle regioni Toscana, Emilia Romagna, Abruzzo e Valle d’Aosta. A pesare sulla decisione è il superamento dei tassi di occupazione dei ricoveri in area medica e delle terapie intensive oltre le soglie del 15% e del 10% (ieri, giorno della decisione, in Toscana erano rispettivamente al 19% e al 18,9%) “soprattutto a causa dell’alta incidenza dei non vaccinati tra i ricoverati”, scrive il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana Antonio Mazzei, in un post su facebook.

Dal punto di vista delle regole i cambiamenti sono minimi: “La principale differenza tra la zona bianca e la zona gialla – continua Mazzeo – sta nel fatto che servirà il green pass rafforzato per consumare anche al banco o all’aperto, ma è un segnale che ci indica che bisogna rispettare le regole ed essere prudenti. Non mi stancherò mai di ripeterlo: la vaccinazione è l’arma più efficace per battere il virus e renderlo meno pericoloso in caso di contagio. E a chi ancora è scettico o rifiuta l’idea del vaccino, chiedo di leggere uno dei tanti appelli di no vax pentiti dopo essere finiti in terapia intensiva. Il vaccino protegge e salva la vita a noi stessi e alle persone a cui vogliamo bene”.

Sempre il 10 gennaio, comunque, a livello nazionale scattano anche nuove regole decise dal Governo: intanto, da quella data i tempi per la somministrazione del booster diventano più brevi, e infatti sarà possibile ricevere la terza dose già dopo quattro mesi, anziché cinque. Sempre dal 10 gennaio arrivano nuove restrizioni per i non vaccinati: il certificato verde rafforzato (quello che si ottiene con vaccino o con guarigione) sarà obbligatorio infatti per salire su treni, bus, metro e tutti gli altri mezzi di trasporto, sia nazionali che locali, mangiare nei locali all’aperto, entrare in alberghi, partecipare a fiere, frequentare impianti sciistici e altri luoghi di socialità e svago.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati