20, Luglio, 2024

Torna il Perlamora Festival, nona edizione nel segno dell’attualità

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Si parte il 25 giugno con musiche classiche e del ‘900. Il cartellone di eventi coprirà l’intera estate, fino a settembre: in programma anche sport, arte, diritti e sociale

Sport, arte, musica, politica, economia, diritti umani, letteratura: si parlerà di questo e molto altro a Figline, in occasione della nona edizione del Perlamora Festival, rassegna dell'estate figline in programma quest'anno dal 25 giugno al 17 settembre.

Il Perlamora Festival 2015, organizzato dal Centro culturale storico agricolo Perlamora, avrà come punto di riferimento l’attualità, con particolare attenzione alle emergenze sociali che interessano il territorio valdarnese. Come da tradizione, il programma coinvolgerà autori, storici, economisti, scrittori, politici ed esperti, che sapranno approfondire i temi di ogni incontro.

Per la serata inaugurale del festival, giovedì 25 giugno dalle 21,30, la Corale San Jacopo di Reggello, diretta dal maestro Massimo Cardelli, e le voci soliste di Lorenzo Francalanci, Benedetta Baldi, Tiziana Somigli e Lorenzo Bencini interpreteranno brani di musicisti classici e di compositori del ’900.

Negli appuntamenti del 17 luglio e del 3 settembre spazio al tema delle differenze di genere in politica e, più in generale, nel mondo del lavoro, attraverso gli incontri  dedicati a “Donne e politica” e“Donne e lavoro”. 

Immancabili anche gli appuntamenti sportivi, come l’intervista all’allenatore di serie A Maurizio Sarri, valdarnese che nella prossima stagione calcistica allenerà il Napoli: in questo caso l'appuntamento è il 29 giugno, dalle 21,30. Poi ci sono gli eventi musicali, tra cui il concerto dei Saint Mary Gospel Choir il 17 settembre.

Il festival si chiuderà l’8 dicembre, con l’ottava lettura Perlamora: un dialogo a più voci dedicato ai diritti umani che, quest’anno, si terrà in compagnia degli autori della rivista “Testimonianze”. L’ingresso all’intera manifestazione è libero.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati