20, Luglio, 2024

Terzo lotto della Variantina, c’è l’accordo con la Città Metropolitana. L’opera passa in mano al Comune

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Da anni deve essere realizzato il terzo lotto della Variantina. L’opera è bloccata dopo il ricorso vinto da un privato al Tar della Toscana. Adesso l’intricata vicenda sembra in via di risoluzione: nei prossimi giorni verrà firmato un accordo di programma tra la Città Metropolitana e l’amministrazione comunale. Dell’opera si occuperà direttamente il Comune, che non è sottoposto ai vincoli del patto di stabilità.

Variantina, c’è l’accordo tra la Città Metropolitana e l’amministrazione comunale di Figline e Incisa. I lavori passano in mano al Comune e la travagliata vicenda del lotto tre, congelata negli anni passati da un ricorso al Tar vinto da un privato, sembra essersi definitivamente sbloccata. Il sindaco Dario Nardella ha dato l’incarico al vicesindaco Massimiliano Pescini di firmare il nuovo accordo di programma.
 
“Il T.A.R. della Toscana con sentenza n.1251 dell’8/06/2011 – si legge nel testo di un recente atto del sindaco Dario Nardella – ha accolto il suddetto ricorso disponendo l’annullamento del progetto definitivo del lotto III e di tutti gli atti conseguenti in quanto il tracciato stradale era ubicato ad una distanza inferiore a 10 ml. dalla superficie finestrata del fabbricato di proprietà degli stessi. A seguito della citata sentenza, la Provincia di Firenze ha redatto una variante al progetto definitivo, concordata con la Regione Toscana, Ente finanziatore dell’intervento, che prevede restringimento della sezione stradale dal tipo “C” a tipo “F” e il contemporaneo spostamento del tracciato dal fabbricato di proprietà dei ricorrenti in modo da rispettare la distanza di 10 ml. dalla superficie finestrata del fabbricato principale e di 8 ml. dai due annessi al medesimo”.

Allo stesso tempo è stato raggiunto anche un accordo, “seppure non formale”, con i privati che avevano presentato ricorso al Tar.

Adesso dell’opera si occuperà direttamente il Comune, anche perché non è sottoposto ai vincoli del patto di stabilità: “Si rende opportuno un diretto coinvolgimento nella realizzazione dell’opera del Comune di Figline e Incisa Valdarno, trasferendo al Comune medesimo il finanziamento concesso alla Città metropolitana dalla Regione Toscana per la realizzazione dell’opera e affidando a quest’ultimo l’approvazione della suddetta variante al progetto definitivo e la redazione della progettazione esecutiva, il ruolo di Stazione appaltante e la realizzazione dei lavori in oggetto".

Misure necessarie "anche in considerazione del fatto che il Comune medesimo beneficia, a tutto l’esercizio finanziario 2018, dell’esenzione dai vincoli imposti dal Patto di stabilità interno, in quanto risultante da fusione di Comuni”.

L’accordo di programma sarà firmato nei prossimi giorni dal vicesindaco Massimiliano Pescini e dall'amministrazione guidata da Giulia Mugnai.

Articoli correlati