17, Luglio, 2024

Tentano un furto alla Thermolana ma vengono scoperti dalla Vigilanza, che allerta i carabinieri: un arresto, in due fuggono nei campi

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

I fatti sono accaduti nella notte fra sabato e domenica, alla sede dell’azienda in via Poggilupi a Terranuova. Tre malviventi, con un furgone, hanno provato a scassinare la porta di ingresso: ma sono stati beccati sul fatto dalla vigilanza notturna, che ha chiamato i carabinieri. Il titolare: “Grazie a chi è intervenuto, ci ha salvato. Certo è che per le aziende è un clima difficile”

Un tentato furto andato a vuoto, con i danni circoscritti alla porta scassinata. E tutto grazie all'intervento della Vigilanza notturna e dei carabinieri. "Devo ringraziare coloro che ci hanno salvato da questo tentativo di furto", commenta oggi il titolare della Thermolana, azienda con sede sulla Nona strada Poggilupi di Terranuova, a poche decine di metri dal casello Valdarno. 

Il tentativo di furto è avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsi, intorno alle 2. In tre, con un furgone, si sono piazzati davvanti alla porta d'ingresso dell'azienda, nel tentativo di forzarla per entrare dentro. Ma in quel momento la Vigilanza notturna di ronda è passata di lì e ha visto la scena: immediata la chiamata ai carabinieri, che sono arrivati sul posto con due pattuglie. 

Pochi minuti per rendersi conto di quanto stava succedendo, e i tre malviventi hanno provato la fuga. In due sono riusciti a scappare, approffittando del buio, nei campi dietro allo stabilimento. Il terzo, invece, è stato bloccato dai carabinieri prima che riuscisse a fuggire. Si tratta di un 24enne di origini albanesi, già processato per direttissima.

"Per fortuna i danni sono limitati al tentativo di scassinaggio della porta – commenta Simone Giannetti, titolare dell'azienda – e devo ringraziare la Vigilianza e i carabinieri. Resta però l'amaro in bocca per il clima già difficile che vivono le nostre aziende, a cui si somma il timore di questi episodi. Così si lavora male, davvero". 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati