05, Febbraio, 2023

Studenti del Varchi ‘raccontano’ Pietro Guerri: aperta al Cassero la mostra realizzata in un progetto di scuola-lavoro

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Fino al 13 maggio, il Cassero per la Scultura di Montevarchi ospita la mostra “Pietro Guerri (1865-1936). Arte, politica e amministrazione”: è il frutto di un lavoro di ricerca, documentazione e studio compiuto dagli studenti dell’istituto Varchi

La storia artistica, ma anche politica, di un montevarchino illustre, Pietro Guerri, raccontata dai ragazzi dell'Isis Varchi di Montevarchi: è stata inaugurata sabato scorso, infatti, la mostra ospitata fra le mura del museo civico del Cassero per la Scultura. Una mostra che è il risultato di un lavoro di ricerca e documentazione portato avanti da alcuni ragazzi delle classi del Varchi, nell'ambito di un progetto di scuola-lavoro portato avanti con la guida del professor Lorenzo Piccioli, in collaborazione con l’Accademia Valdarnese del Poggio ed Il Cassero per la scultura. 

"Pietro Guerri (1865-1936). Arte, politica e amministrazione" è il titolo di questa esposizione che racconta, appunto, la vita e la storia politica di questo illustre montevarchino, senza dimenticare ovviamente la sua produzione artistica: Pietro Guerri, vissuto a cavallo fra la fine dell'800 e l'inizio del '900, fu scultore di numerose opere commemorative, fra cui monumenti tuttora presenti in Valdarno. Non solo: soprattutto in epoca giolittiana, ricoprì un ruolo importante nella classe dirigente locale.

La mostra dei lavori degli studenti del Varchi che racconta tutto questo sarà aperta fino al 13 maggio al Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento, aperto tutti i giorni da giovedì a domenica (10-13 e 15-18), compresi il 25 aprile ed il 1° maggio. 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati