16, Giugno, 2024

Stretta sulla “mala movida”: più controlli di carabinieri e polizia municipale, limitazioni al consumo di alcol in centro

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Nuova ordinanza restrittiva dell’Amministrazione comunale di Figline Incisa per evitare assembramenti, schiamazzi e degrado

Stop al consumo di alcol all’aperto nel week-end (dalle 00,30 in poi), divieto di vendita di bevande alcoliche in contenitori in vetro (tutti i giorni, dalle 21 in poi) e maggiori controlli di carabinieri e polizia municipale in piazza Ficino: sono i provvedimenti decisi dall’Amministrazione comunale di Figline e Incisa Valdarno, dopo l'ennesima rissa in centro, per evitare assembramenti, schiamazzi notturni, degrado.

“L’attenzione sul centro storico è massima e, come avvenuto per l’Ordinanza emessa a luglio, abbiamo cercato di trovare un punto di contatto tra le esigenze dei residenti, degli esercenti e di tutta la cittadinanza, dal momento che l’emergenza sanitaria non è ancora cessata – spiegano il sindaco Mugnai e il vicesindaco Buoncompagni, con delega al centro storico -. L’obiettivo è, infatti, contenere il consumo di alcool, evitare assembramenti e il verificarsi di comportamenti gravi e scorretti come quelli avvenuti nei giorni scorsi, permettendo al tempo stesso agli esercizi di poter svolgere la loro attività. Per questo motivo, con questa ordinanza puntiamo ad evitare l’acquisto di alcolici a basso prezzo in luoghi deputati solo alla vendita e, di conseguenza, a evitare che vengano consumati per strada. Inoltre, con l’obbligo di consumo notturno solo all’interno dei locali di somministrazione, nel fine settimana i gestori (che ringraziamo per la collaborazione) saranno facilitati nella gestione della clientela, che sarà presente solo al chiuso, contribuendo così ad evitare la permanenza di persone all’aperto, schiamazzi notturni e comportamenti incivili, nel rispetto delle normative sul distanziamento e anticovid”.

L’ordinanza entra in vigore da domani 25 settembre e prevede: alcune limitazioni negli orari di apertura di tutti gli esercizi commerciali (di somministrazione e di vendita al dettaglio, così come i distributori automatici di bevande), che chiuderanno alle 00,30 da domenica a venerdì e alle 2 nel fine settimana (cioè nelle notti a cavallo tra venerdì e sabato e tra sabato e domenica); il divieto di vendita, tutti i giorni dalle 21 in poi, di bevande alcoliche in contenitori in vetro su area pubblica (anche da parte dei locali di somministrazione che hanno allestito tavolini e dehors all’aperto); il divieto di vendita, nel fine settimana dalle 00,30, di bevande alcoliche (in qualsiasi contenitore) sia da asporto sia da consumare nelle aree esterne ai locali di somministrazione. Gli esercizi commerciali, quindi, nel fine settimana potranno proseguire le loro attività solo in spazi chiusi, nel rispetto del distanziamento sociale e delle normative anticovid.

“Parallelamente – concludono sindaca e vicesindaco – abbiamo incontrato i carabinieri della stazione locale e concordato il potenziamento delle attività di controllo e verifica nel centro storico di Figline, in particolare nel fine settimana. Anche il nostro servizio di Polizia municipale sarà potenziato in tal senso, con un’estensione dei turni di lavoro in notturna, in orario straordinario, in modo da garantire una maggiore copertura sul nostro territorio”.

 

 

Articoli correlati