25, Aprile, 2024

Scuola Da Vinci, ultime rifiniture nel plesso rinnovato. Già partito il trasloco: la scuola riapre il 4 marzo

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Si lavora alle ultime rifiniture all’interno della scuola media Leonardo Da Vinci di Figline, oggetto di un intervento di adeguamento sismico e di efficientamento energetico per un investimento complessivo di quasi 4 milioni di euro, di cui 1,3 milioni di fondi Pnrr, oltre al contributo straordinario della Regione da 300 mila euro.

Il cantiere era partito a marzo 2023 e dopo un anno i lavori sono al termine: la data di riapertura ufficiale è lunedì 4 marzo, come confermato questa mattina dalla sindaca Giulia Mugnai e dall’assessora all’istruzione Francesca Farini in un sopralluogo. I lavori hanno riguardato il consolidamento delle fondazioni e dei solai, delle pareti perimetrali, oltre alla realizzazione del cappotto termico, l’insonorizzazione degli spazi, il rifacimento dei servizi igienici, la sostituzione degli infissi interni ed esterni e di tutti gli impianti, compreso quello di riscaldamento e di illuminazione. Il plesso è stato dotato un impianto fotovoltaico e adeguato anche alle norme antincendio.

La sindaca Giulia Mugnai: “Siamo alle fase finali di un intervento importantissimo, che ha visto la Leonardo Da Vinci trasformarsi completamente sia per essere messa in sicurezza ma anche per adattarsi a molte delle innovazioni della didattica. Questa scuola è un investimento da 4 milioni di euro per sicurezza, efficientamento energetico e innovazione”. Per quanto riguarda il trasloco: “Alcuni arredi che erano già disponibili vengono trasferiti già in questi giorni, mentre l’ultimo fine settimana sarà quello utilizzato in maniera intensa per portare le attrezzature che invece rimarranno in uso agli studenti nella scuola provvisoria fino all’ultimo giorno, per ritrovarli quindi il lunedì successivo nella sede nuova. Il tutto per non interrompere mai la didattica, in accordo con l’Istituto comprensivo”.

Francesca Farini, assessora alla cultura, ha spiegato: “Dal 4 marzo il trasporto scolastico cambia, con i servizi di accompagnamento e accoglienza: per questo, per venire incontro alle famiglie che avranno bisogno o di iscrivere gli studenti oppure di cancellare la precedente iscrizione, abbiamo deciso di non applicare l’abbonamento trimestrale gennaio-marzo a tutti coloro che entro il 19 febbraio procederanno alla cancellazione dal servizio”. Farini ha anche ricordato che proseguirà il progetto di scuola diffusa: “Era nato per la Da Vinci proprio nel momento in cui si trasferì nella sede provvisoria, ma ripartirà, insieme alle associazioni e i nostri luoghi pubblici a partire dalla biblioteca, la scuola si aprirà verso la comunità e viceversa”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati