02, Dicembre, 2022

Scienziati da tutto il mondo al Centro di Geotecnologie di San Giovanni per un congresso internazionale

Più lette

In Vetrina

Dal 17 al 19 ottobre il Centro di GeoTecnologie dell’Università di Siena, con sede a San Giovanni, ospiterà il “Guaymas Basin Tectonics and Biosphere IODP Expedition 385 Post-cruise Meeting”, un incontro internazionale di un gruppo interdisciplinare di scienziati, provenienti oltre che dall’Italia, anche da Stati Uniti, Paesi europei e Asia, dedicato ad analizzare e confrontare i risultati di una ricerca svolta.

Durante questo congresso, geologi, geochimici e microbiologi presenteranno i risultati degli studi compiuti su campioni di sedimenti e rocce marine profonde che sono state carotate dalla “Spedizione 385” dell’IODP (Intergated Oceanographic Drilling Program), un programma internazionale di carotaggi marini globali, di cui l’Italia fa parte come membro del Consorzio Europeo.

La spedizione si è tenuta nel 2019 nelle acque del Golfo della California, in Messico, nel Bacino Guaymas, un oceano nascente ed un ambiente oceanico dinamico, dove processi fisici, chimici e biologici sono altamente correlati e interdipendenti. Le implicazioni di queste ricerche hanno carattere globale e hanno rilevanza per il ciclo del carbonio, le estinzioni di massa, la vita di microrganismi in ambienti estremi e la dinamica che controlla la formazione di nuovi oceani.

Nei giorni successivi al congresso sono previste due escursioni per i partecipanti: una nell’area di Vescovado-Murlo in provincia di Siena, per studiare le rocce testimoni di un oceano giurassico oggi affioranti in quest’area; e l’altra nell’area di Santa Barbara, nel comune di Cavriglia, per osservare le rocce sedimentarie in un bacino recente dell’Appennino settentrionale.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati