16, Agosto, 2022

“Satellite”, il nuovo singolo dei Suxtele: la movida di Firenze esplorata da un astronauta

Più lette

In Vetrina

La band emergente dei Suxtele racconta della realizzazione del loro nuovo video musicale e del loro percorso nel panorama musicale valdarnese

Nato nell'estate del 2018, Suxtele è il nome del progetto musicale di Vincenzo Costi e Alessandro Fabis: "indipendenti fino all'osso", sottolineano i musicisti, entrambi due ex componenti della band fiorentina dei Neurodeliri. Uscito recentemente, il nuovo singolo "Satellite" affronta temi quali estraniazione, il desiderio di lasciarsi tutto alle spalle… "Ma il significato cambia e diventa ambivalente", affermano Costi e Fabis.

 

 

 

"Abbiamo passato molto tempo a cercare di formare un'altra band provando più generi possibili – afferma Fabis – tuttavia non eravamo mai soddisfatti, finché non è arrivato il primo pezzo, "Disco Casa", uscito un po' dal nulla e senza premeditazione, da lì, passo dopo passo è partito il progetto dei Suxtele"

"In realtà la nostra più grande difficoltà è stata quella di avere un'identità continua – spiega Costi – non avevamo un genere predefinito con cui seguire un filone, per noi era tutto nuovo ed una volta realizzata "Disco Casa" ci siamo chiesti: come facciamo a farne un'altra? Infatti è per questo che sono passati 9 mesi prima del nostro secondo singolo, siamo andati alla ricerca della nostra identità e di pezzi che rispecchiassero la nostra idea."

 

 

"Da qui è nata 'Satellite', una canzone dal testo diretto, che non parte da un preconcetto predefinito e parla già da sé – prosegue Costi – il significato viene dopo e diventa ambivalente. Infatti è molto bello che le persone rivedano particolari e tematiche a modo loro. Nel frattempo abbiamo altri singoli in programma, da pubblicare con una cadenza più breve; progetti live per l'estate e molto altro."

 

 

"Nonostante mancanza di spazi per le prove e per esibirsi siamo fiduciosi nel Valdarno – conclude Fabis – è una fase rinascente della musica con tante belle realtà che non si arrendono e portano ventate di freschezza nella nostra vallata. Se puntiamo su questo il risultato non potrà che essere positivo."

 

Foto di Silvia Galora

 

 

Articoli correlati