04, Dicembre, 2022

Sangiovannese, Figline, Ideal Club Incisa unite per riportare il sorriso ai bambini ucraini

Più lette

In Vetrina

Divise sul campo ma unite nella solidarietà: le società calcistiche Sangiovannese 1927, Figline 1965 e Ideal Club Incisa hanno risposto all’appello della scuola calcio di Lopatyn, nella regione di Leopoli in Ucraina, ed hanno donato 53 completi da inviare ai piccoli atleti.

L’allenatore della scuola calcio ha ben pensato di far continuare l’attività sportiva ai bambini per distogliere la loro mente dall’atrocità della guerra in atto e farli divertire ma avevano bisogno di maglie, pantaloncini e tutto il giusto corredo. Nataliya Maksymchuk, rappresentante della comunità ucraina di Figline e Incisa, ha contattato l’Amministrazione comunale di Figline Incisa per chiedere un supporto e l’aiuto è subito arrivato. E’ la stessa Nataliya a raccontare cosa stanno vivendo i bambini ucraini e quanto sia importante questa donazione.

L’Amministrazione comunale di Figline Incisa ha contattato le tre società calcistiche credendo fermamente che lo sport sia un importante veicolo di solidarietà, di vicinanza e condivisione.

“Sin dall’inizio del conflitto, abbiamo scelto di supportare la comunità ucraina del territorio nelle attività di aiuto rivolte ai suoi connazionali e nelle varie azioni di promozione della pace messe in campo in tutto il Valdarno – spiega l’assessora al Sociale, Arianna Martini -. Come Amministrazione comunale abbiamo scelto di ospitare bambini e ragazzi nei centri estivi, in modo da farli sentire a casa e da favorire l’incontro con i loro coetanei. Anche l’iniziativa presentata oggi, dal grande valore simbolico, rientra tra queste, perché è un modo per offrire opportunità di svago, serenità e gioco agli iscritti di quella scuola calcio, che tutti i giorni si trovano a fronteggiare e a subire le conseguenze devastanti della guerra”.

“Le società e le associazioni sportive del nostro territorio – continua il vicesindaco Enrico Buoncompagni con delega allo Sport – hanno svolto fin dai primi giorni di accoglienza dei cittadini ucraini un ruolo di sostegno, offrendo ai ragazzi la possibilità di partecipare alle loro attività come occasione di incontro e socializzazione, oltre che di conoscenza del territorio che li ha accolti. Con questa ulteriore iniziativa confermano la loro grande disponibilità ed attenzione a supportare la pratica sportiva, i cui valori superano ogni confine, unendo le persone attraverso il rispetto e la condivisione. Con la donazione delle divise alla squadra di calcio di Lopatyn faremo quindi sentire la presenza di Figline e Incisa Valdarno e la solidarietà dei nostri cittadini in un momento di difficoltà per questi ragazzi.”

Giuseppe Morandini, direttore generale della Sangiovannese 1927, Lorenzo Pampaloni presidente del Figline 1965 e Giancarlo Pasquini presidente dell’Ideal Club Incisa hanno raccolto subito l’appello e donato i completi ai bambini della scuola calcio di Lopatyn.

Subito dopo la donazione, Nataliya Maksymchuk, ha chiesto ai presenti di utilizzare una bandiera della pace per mandare un messaggio, firmato da ciascuno di loro, alla scuola calcio di Lopatyn, come ulteriore gesto di vicinanza e sostegno.

Articoli correlati