26, Giugno, 2022

Salvatore Catello è il candidato a sindaco per il Partito Comunista: “Il nostro obiettivo è riportare le persone a lottare e fare politica con noi”

Più lette

In Vetrina

Il Partito Comunista candida a sindaco di Cavriglia Salvatore Catello: ecco gli obiettivi del programma e le motivazioni della scelta

Salvatore Catello è il candidato a sindaco a Cavriglia per il Partito Comunista: “Due anni fa ho preso parte al gruppo che ha deciso di ricostruire il partito in Italia e qui in Valdarno, dove siamo già a 12 persone. Faccio politica da 15 anni con collettivi, centri, associazioni e questa è la prima esperienza come candidato”. Anche la lista è formata da persone giovani, quasi tutti alla prima esperienza alle elezioni, lavoratori e già attivi comunque nello scenario politico.
 
“Abbiamo scelto di presentarci a Cavriglia perché è un paese con una storia che ci piaceva dal punto di vista simbolico, che si lega ai nostri obiettivi: le miniere, le lotte dei lavoratori, gli eccidi, la storia del partito comunista. Per questo siamo ripartiti da lì”, spiega il candidato.
 
Uno degli obiettivi principali del partito è “riportare le persone a lottare con noi, a far politica insieme. Il nostro slogan non è incentrato solo sul votare, ma lottare per cambiare le cose: la partecipazione dei cittadini, non lasciarli soli, soprattutto nelle frazioni. Al centro delle nostre idee ci sono l’uomo e il lavoro”. Salvatore Catello ha sottolineato anche la massima disponibilità ad accettare le proposte di Libera ai candidati a sindaco, come illustrate la settimana scorsa.
 
Nel programma si parla di partecipazione e appunto di lavoro: “Vogliamo rilanciarlo con aiuti alle piccole e medie imprese artigianali e commerciali, incentivi per chi assume a tempo indeterminato, incentivare anche lo sviluppo artistico e l’agricoltura. Nel programma abbiamo previsto anche un assessore e un ufficio specifico per il lavoro, che offra gli strumenti per un contatto diretto, che vada oltre l’ufficio per l’impiego”.
 
Altri elementi presenti nel programma del partito sono l’ambiente, la casa e la questione terre della Tav: “Salvaguardare l’ambiente e il territorio significa dire no alle terre della Tav, impossibile che siano pulite e non inquinate. Per quanto riguarda le abitazioni, noi puntiamo a rilanciare il cemento zero, utilizzando edifici in disuso: elemento fondamentale in questo periodo di crisi”.
 
Si parla anche di cultura e di plessi scolastici: sono già stati individuati, infatti, i luoghi o le frazioni dove posso essere implementati perché necessari o mancanti. “Proponiamo un progetto culturale completo, così che le case del popolo tornino ad essere il centro di varie attività per tutte le età. Inoltre, vorremmo rilanciare la biblioteca, dedicando quella nuova a Peppino Impastato, poiché i libri e la cultura sono il cuore e l’anima di una comunità. Vorremmo incentivare anche i locali che decidono di togliere o non installare slot machines e altri giochi d’azzardo”.
 
La campagna elettorale del Partito Comunista si chiuderà questa sera, venerdì 23 maggio, alle oe 20 in piazza Berlinguer a Cavriglia con la presenza del segretario generale Marco Rizzo, il candidato Salvatore Catello e il sindaco comunista di Gagliole, Mauro Riccioni.
Il programma completo è scaricabile nella sezione di Valdarnopost dedicata alle elezioni e ai candidati di Cavriglia.
 
 

Articoli correlati