08, Dicembre, 2022

Infiltrazioni dal tetto al Centro “L’Aquilone” di Rignano. Il Comune ne ha disposto la chiusura

Più lette

In Vetrina

Problemi strutturali al Centro Sociale “L’Aquilone” di Rignano. Il Comune decide quindi la chiusura temporanea della struttura. A causa di un’infiltrazione dal tetto, l’acqua ha eroso le travi portanti. “Un’erosione del legno che sta andando avanti da anni- scrive il sindaco Giacomo Certosi- e noi ce ne siamo accorti grazie alla segnalazione (ci dicono che ne erano state fatte molte altre in precedenza) che ci ha spinti a indagare. Dopo aver smontato le pareti di cartongesso interne la situazione è stata subito chiara. E noi, a malincuore, abbiamo dovuto chiudere il centro. Lo abbiamo fatto con tristezza, sapendo che questa decisione avrebbe destabilizzato i ragazzi e le ragazze dell’Aquilone. Ma era la cosa giusta da fare per la loro sicurezza.

Tutti gli ospiti del centro hanno trovato una sistemazione provvisoria. “Stiamo lavorando- prosegue il Sindaco- per assicurare loro una continuità nel percorso terapeutico. Intanto i tecnici svolgeranno un’approfondita indagine su tutta la struttura. Successivamente ci proporranno la soluzione per mettere in sicurezza l’immobile; poi dovremo trovare le risorse e quindi inizieremo gli interventi di ripristino.”

Il Centro è stato inaugurato nel 2009. Si tratta di un edificio a servizio dell’intera zona sanitaria fiorentina sud-est che si rivolge ad un’utenza costituita da persone con handicap gravi e gravissimi in età adolescenziale, giovanile e adulta.

“Una struttura recente- scrive ancora Certosi- costruita interamente in legno. I tecnici che abbiamo incaricato delle verifiche hanno definito il problema ‘un chiaro esempio di incuria e cattiva manutenzione’. Noi faremo tutto il nostro possibile perché il Centro Sociale l’Aquilone torni ad essere un luogo sicuro .Terremo i cittadini aggiornati sull’andamento dei lavori.”

Articoli correlati