27, Giugno, 2022

Rfi si scusa con i viaggiatori ma scarica le responsabilità: “Disagi provocati da cause esterne”

Più lette

In Vetrina

Rfi si scusa con i viaggiatori ma scarica le responsabilità per gli incendi che si sono verificati: “Già ad aprile avevamo chiesto, tramite le Prefetture, la rimozione di alberi, sterpaglie, erbacce e rami secchi nelle aree adiacenti le sedi ferroviarie. Operazioni che dovevano essere effettuate dai proprietari privati o enti”. Intanto i vigili del fuoco sono stati costretti ad intervenire anche nella notte a Laterina.

“Rete Ferroviaria Italiana si scusa per i gravi disagi e ritardi registrati sulle linee della Toscana, provocati prevalentemente da cause esterne alla sede ferroviaria”. Rfi si scusa con i pendolari ma punta il dito su cause esterne alla rete ferroviaria, in particolare la manutenzione delle aree limitrofe ai binari.
 
“Due incendi sviluppatisi in aree adiacenti alle linee ferroviarie, uno nei pressi di Arezzo e l’altro nei pressi della Galleria di San Donato, alle porte di Firenze, hanno costretto a numerose deviazioni mentre nella stazione di Firenze Campo di Marte erano in corso i lavori di ripristino della linea di alimentazione dei treni per un precedente guasto” sottolinea in una nota Rfi.
 
“La concomitanza degli eventi – prosegue la società – ha amplificato gli effetti delle anormalità. RFI comunica che già ad aprile aveva chiesto, tramite le Prefetture, la rimozione di alberi, sterpaglie, erbacce e rami secchi nelle aree adiacenti le sedi ferroviarie. Operazioni da effettuare a cura dei proprietari, privati o Enti. Richiesta motivata per diminuire i rischi di incendi, soprattutto nei mesi di alte temperature, che determinano pesanti ripercussioni sulla circolazione ferroviaria (rallentamenti o sospensioni del traffico) per le operazioni di spegnimento.  Il traffico ferroviario ha registrato ritardi medi di 80 minuti sia verso Nord sia verso Sud”.
 
E su facebook si scatena subito la polemica perché come fa notare un pendolare “il fatto che buona parte degli incendi siano stati appiccati dai treni stessi, evidentemente, non è rilevante”.
 
Intanto mentre Rfi punta il dito su “cause esterne” i vigili del fuoco sono stati costretti ad intervenire anche nella notte, all’altezza di Laterina per lo spegnimento di un incendio a un locomotore in manovra lungo la linea alta velocità. L'incendio non ha causato alcun problema alla linea perché si è verificato in una fascia oraria in cui non vi è movimento di treni.
 

Articoli correlati