22, Giugno, 2024

Questione palestra: M5S intende saperne di più e chiede chiarimenti

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il capogruppo Tommaso Pierazzi ha presentato un’interrogazione in consiglio comunale

Sulla questione della palestra che ha visto un botta e riusposta tra la presidente della Provincia di Arezzo, Silvia Chiassai Martini, e il sindaco di San Giovanni, Valentina Vadi, il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Tommaso Pierazzi, presenta un'interrogazione in consiglio comunale.

“Abbiamo appreso dai “media” locali le vicende legate ad un progetto targato 2006 riguardante una palestra mai costruita – afferma Pierazzi – L’oggetto del contendere tra Provincia e Comune sarebbero 540.000 euro erogati dall’ente provinciale per cofinanziare la suddetta opera. Opera che però non ha mai visto la partenza dei lavori.”

“E’ molto anomalo il modo con cui è uscita questa notizia e per questo motivo abbiamo chiesto tutti gli atti riguardanti la vicenda prima di esprimerci in modo più dettagliato. Per adesso ci siamo limitati a presentare un’interrogazione in consiglio comunale per chiedere informazioni dei 540.000 euro e della palestra messa a bilancio nelle opere previste nel triennio in corso con un importo diverso da quello stabilito nel 2006. Ci sono molti passaggi poco chiari sia nella versione della Provincia che in quella del Comune, ma sapendo che c’è in corso un esposto alla Corte dei Conti non vorremmo dare giudizi affrettati senza aver letto prima le carte".

Pierazzi conclude: “Penso che la nostra posizione di accertamento dei fatti possa garantire l’imparzialità necessaria a far chiarezza anche tra i cittadini, in quello che ad oggi sembra essere un imbarazzante 'battibecco' misto di propaganda politica, ma che ha chiaramente evidenziato gravi inadempimenti delle Giunte di centro sinistra succedutesi a San Giovanni Valdarno negli ultimi 15 anni. Ancora una volta San Giovanni Valdarno continua ad essere la città delle opere mai costruite o mai terminate, come Borgo Arnolfo, il teatro Bucci e l’ex Casa del Fascio".

Articoli correlati