05, Febbraio, 2023

Psicologi, assistenti sociali e volontari in contatto video con anziani e disabili soli: parte il progetto AnimaDomus

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Un progetto promosso dal comune di Figline e Incisa e da undici associazioni e soggetti del territorio che operano con persone a rischio: l’obiettivo è combattere la solitudine legata alla pandemia

Combattere la solitudine e il senso di isolamento fortemente legati alla pandemia, soprattutto per chi vive in situazioni di fragilità, come anziani o disabili soli: è l'obiettivo del progetto AnimaDomus, grazie al quale i soggetti più a rischio troveranno un amico fidato. Psicologi, assistenti sociali e animatori volontari, infatti, resteranno in contatto costante, al telefono e in videochiamata, con loro. Un progetto di animazione e tutoraggio domiciliare per chi soffre maggiormente la sospensione delle relazioni sociali di questo periodo, pensato per rispondere ai bisogni delle persone a rischio e offrire loro momenti di condivisione.

Il progetto punta non solo a favorire l’inclusione delle persone più fragili, ma anche a prevenire gli eventi acuti e dare sollievo alle loro famiglie e ai caregiver. Ad AnimaDomus ha aderito un’ampia rete locale di soggetti del Terzo settore, che ha come capofila l’associazione InFamiglia Aps e coinvolge, oltre ai servizi sociali del Comune di Figline e Incisa, la Cooperativa sociale Nomos, i volontari delle associazioni Anteas Valdarno, Auser Figline e Auser Incisa, Associazione Volontari Ospedalieri, Associazione Il Giardino, la sezione soci Unicoop Firenze del Valdarno Fiorentino e i sindacati dei pensionati Spi Cgil e Fnp Cisl che, oltre ai volontari, potranno fornire supporto specifico su questioni previdenziali e assistenziali.

Il progetto AnimaDomus è stato presentato stamani presso la sede dell’Associazione Il Giardino, ai giardini Generale Dalla Chiesa di Figline. Ogni persona assistita avrà un assistente sociale dedicato che si occuperà di redigere un piano di intervento specifico sulla base dei suoi bisogni, confrontandosi anche con la famiglia. Saranno poi i volontari delle associazioni a tenere compagnia agli anziani soli, in tutta sicurezza, con interventi di socializzazione a distanza, al telefono o in videochiamata.

“AnimaDomus sarebbe dovuto partire già nel 2020 ­– ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali Simone Cellai – prima che la pandemia ci costringesse a rinviarlo e a ripensarlo. Come sappiamo, il virus ha colpito con maggior forza i soggetti più deboli, facendo emergere in modo drammatico quanto gravi siano gli effetti dell’isolamento sociale sulle persone fragili e sugli anziani. Questo progetto è oggi più necessario che mai. Ci consentirà di realizzare una mappatura del bisogno e di monitorare costantemente le situazioni più a rischio. Nelle scorse settimane siamo partiti in forma sperimentale con buoni risultati, adesso possiamo entrare a pieno regime”. 

I contatti periodici serviranno a contrastare il senso di isolamento  per ma anche di monitorare costantemente la condizione di salute degli assistiti, i loro progressi e l’andamento del progetto, attraverso schede di valutazione che l’operatore compilerà dopo ogni chiamata. L’insieme dei dati raccolti servirà poi come caso di studio per verificare l’impatto e le buone pratiche di questo nuovo modello assistenziale. Chi fosse interessato, per sé o per un proprio caro, a prender parte al progetto AnimaDomus può contattare Nomos Cooperativa sociale dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, telefonando allo 055.6510477 o al 393.8230206.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati