29, Gennaio, 2023

Provincia di Arezzo, il bilancio di previsione slitta ad aprile. “Ancora scarse le risorse finanziarie”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Con i voti favorevoli della maggioranza di centrosinistra, il Consiglio provinciale di Arezzo ha deliberato che il Bilancio di previsione della Provincia 2018/20 sarà approvato solo dopo il rendiconto di gestione 2017, nel mese di aprile

Sarà approvato solo ad aprile, dopo la chiusura della gestione 2017, il bilancio di previsione triennale della Provincia di Arezzo. Si naviga ancora a vista, con le province che continuano a fare i conti con "l'oggettiva scarsità di risorse", come ha detto il presidente Roberto Vasai, durante il Consiglio provinciale di oggi, 28 marzo. 

Con i voti favorevoli della maggioranza di centrosinistra, e quelli contrari dei tre consiglieri di opposizione, il Consiglio ha dunque deliberato di sospendere la procedura di adozione del bilancio triennale, rimandandolo ad una data successiva all'apporvazione del rendiconto di gestione per l’anno 2017, in attesa quindi di definire l’avanzo disponibile e libero per le esigenze di pareggio finanziario del bilancio stesso.

“La realtà delle Province continua ad essere caratterizzata da incertezza, con bilanci sottoposti a continui tagli da parte dello Stato ed impossibilitati a reggere il peso di manovre finanziarie, che consistono ormai da qualche anno in trasferimenti dalle nostre entrate tributarie a favore del bilancio dello Stato, a titolo di contributo alle misure di finanza pubblica”, ha commentato il Presidente Vasai.

Il contributo alla finanza statale richiesto alla Provincia di Arezzo per le annualità 2018-2020 ammonta per l’anno 2018 ad 11 milioni e 285mila euro; per l’anno 2019 e per il 2020, rispettivamente, a 10 milioni e 341mila euro. “Quest’anno – ha aggiunto Vasai – per la prima volta dopo anni, la legge di bilancio 2018 prevede il ritorno ad un bilancio di previsione triennale; ma ancora non si può fare una vera e propria programmazione, per la scarsità oggettiva di risorse finanziarie per garantire il finanziamento delle funzioni fondamentali".

"Le risorse, anche per l’anno 2018, continuano ad essere inferiori ai fabbisogni standard certificati dal SOSE, perlomeno per le Province della Toscana". Una situazione che va avanti dal 2012, quando sono cominciati i tagli alle province. "A partire dall’esercizio 2013 questo Ente ha conseguito gli equilibri di bilancio, anche grazie all’applicazione dell’avanzo di amministrazione libero per l’equilibrio del bilancio corrente, ed anche dell’avanzo destinato agli investimenti per l’equilibrio del bilancio in conto capitale", ha spiegato Roberto Vasai. 

Alla luce delle limitate risorse previste anche per il 2018, il Presidente ha annunciato quindi che "la Provincia di Arezzo procede come prima cosa, ad approvare il rendiconto di gestione 2017, per essere in grado di approvare un bilancio di previsione 2018 in equilibrio con l’avanzo di amministrazione libero proveniente dal rendiconto 2017, che è in corso di ultimazione". 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati