20, Luglio, 2024

“Pronto, sua figlia ha avuto un incidente”: ma questa volta la truffa non va in porto

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La telefonata di finti carabinieri, un appuntato e un maresciallo, è arrivata a una famiglia di Figline che però non è caduta nel tranello

Tentata truffa ai danni di una famiglia di Figline. La prontezza però di chi ha risposto al telefono ha troncato il raggiro sul nascere.

"Pronto, sua figlia ha avuto un incidente. Adesso si trova nella caserma dei carabinieri": inizia sempre così la truffa messa in atto da due persone che alternativamente si fingono carabiniere e poi avvocato. Al telefono solitamente è colui che si spaccia per un carabiniere, poi interviene il 'legale' che chiede il denaro per pagare la maximulta elevata alla figlia o al figlio che ha provocato un incidente. Alla persona che risponde al telefono viene chiesta una cifra, tra i 1.500 e i 3.000 euro. Se cade nel tranello l''avvocato' si rende disponibile ad andare a prendere il denaro.

Questa volta la truffa non è andata, per fortuna, a buon fine così come è accaduto qualche tempo a Reggello in due diverse situazioni. I finti appuntato e maresciallo dei carabinieri hanno dovuto riagganciare.

 

Articoli correlati