28, Settembre, 2022

Pronto soccorso: scatta la formazione per i 36 nuovi medici della Asl Sud Est. Anche all’ospedale del Valdarno

Più lette

In Vetrina

Si tratta dei medici reclutati per i Pronto Soccorso della Asl Toscana sud est grazie alle misure speciali adottate dalla Regione Toscana. Dovranno affrontare 300 ore di formazione: tra le zone coinvolte, anche il Valdarno

Parte da oggi nella Asl Toscana Sud Est la formazione per i nuovi medici assunti con le misure straordinarie volute dalla Regione per affrontare la carenza di personale dei Pronto Soccors. Sono 36 i futuri medici specialisti che stanno completando il percorso sull’Emergenza, e che ora inizieranno le 300 ore di ulteriore formazione che gli permetteranno di entrare nell’organico dei Pronto Soccorso.

La formazione, che dovrà essere completata entro il 30 novembre avrà come sedi Grosseto, Arezzo, Valdarno, Campostaggia e Nottola. Al termine delle 300 ore, con valutazione positiva, queste giovani leve potranno entrare a pieno titolo a rafforzare, al fianco di medici esperti, il Sistema dell’Emergenza Urgenza territoriale ed Ospedaliera della Asl Toscana sud est.

“In un momento di particolare difficoltà che rischiava di mettere a rischio l’efficienza dei servizi per i nostri cittadini – afferma il Direttore D’Urso – questa soluzione, certamente straordinaria, rappresenta un’importante occasione offerta dalla Regione Toscana e dalla Asl Toscana sud est alle nuove generazioni ed insieme l’opportunità di introdurre nel mercato del lavoro giovani medici con tanta voglia di investire le loro competenze professionali in Sanità”.

Intanto in questi giorni di caldo si sono registrati accessi alti ma nella media del periodo, nei Pronto soccorso della Asl Sud Est. Si assiste ad un fisiologico aumento di problemi cardiovascolari ed infarti. Da rilevare che la fascia oraria di accesso che andava solitamente dalle 17 alle 20, probabilmente proprio a causa del caldo, è slittata dalle 20 alle 24. Questo ha richiesto un piccolo riassetto delle risorse umane. 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati